Bike Passion: il mondo del ciclismo in una mostra

Alla Galleria Campari prende il via un percorso espositivo per appassionati di due ruote, tra immagini d'archivio, pezzi d'epoca e biciclette d’artista

Gravity, cuffie ultraleggere che sfidano la gravità

Dalla matita del designer coreano Kyumin Ha nasce un set di cuffie dal design equilibrato e raffinato. Un vero e proprio pezzo da collezione
Aldo Bakker e l

Aldo Bakker e l'essenzialità

Una ricerca minuziosa sulla forma, unita all’indipendenza da tutte le discipline: questo il processo del designer olandese che progetta oggetti essenziali e misteriosi
Design Souvenir: la cancelleria è di design

Design Souvenir: la cancelleria è di design

Dalle penne ai temperamatite, passando per i righelli e i bloc notes. Ecco la nuova collezione di accessori firmata Normann Copenhagen

Minotti: codice italiano

Rodolfo Dordoni architetto, designer e direttore creativo, racconta come dall’incontro con Minotti sia nato un nuovo modo di progettare. Per trasmettere un’atmosfera, un mondo e uno stile di vita

Icon Design ospite di Visible Festival

Sabato 20 maggio saremo a Torino per la terza edizione di Visible, il festival di arti visive ideato dall’Istituto Europeo di Design nell'ambito del Salone del Libro

Un libro sul cemento, in cemento

Il fotografo ungherese Gábor Kasza ha lanciato una campagna di crowdfunding per realizzare un volume che ha come protagonista il cemento, sia dentro che fuori
Una poltroncina dal dna sportivo

Una poltroncina dal dna sportivo

In occasione degli Internazionali BNL Italia, Calia Italia ha realizzato una limited edition della celebre Poltrona Poli dedicata al tennis

Arclinea: oltre la cultura del design, oltre la cultura del cibo

Prendono forma da una visone progettuale che attinge alla passione per la creazione, sia essa artistica o culinaria. Così si creano spazi pensati per essere funzionali, ma anche confortevoli da vivere e condividere.

Flux Swing: linee morbide, funzionalità al top

Qualcosa di completamente diverso: dalla decennale collaborazione tra Scavolini e Giugiaro Design, una cucina che rivoluziona le linee nel segno di tecnologia, ergonomia e funzionalità.

Samsung Galaxy, oltre i confini

In occasione della Milano Design Week 2017, Samsung presenta un progetto ispirato all'universo Galaxy e al nuovo nato, l'S8.
Marcel Wanders, tra moda e design

Marcel Wanders, tra moda e design

«Questo è il cucchiaino disegnato dallo studio per il servizio di business class della Klm. Sa che è l’oggetto più rubato in aereo?». Anche in pausa caffè, in Westerstraat 187, si continua a parlare di design. I ragazzi condividono dettagli e consegne e Marcel Wanders, scalzo sulla moquette damascata, partecipa alle discussioni sorridendo e gesticolando, prima di posare davanti all’obiettivo,  per il quale inventa scene e mima situazioni. Designer e imprenditore olandese, Wanders, classe 1963, è uomo dall’indiscutibile abilità comunicativa; la sua generosità espressiva è fuori dal comune nel mondo del design – e anche della moda: la collaborazione con Louis Vuitton per la collezione Objets Nomades ne è esempio.

«Fin da studente ho sempre parlato tanto per spiegare le mie idee. L’essere stato cacciato dalla Design Academy Eindhoven a 18 anni mi aveva dato la voglia di dimostrare a tutti che valevo. All’ArtEZ Institute of the Arts entravo in aula alle 8,30 e me ne andavo dopo le 23, e costruivo i miei modelli di notte, a casa. Ero davvero determinato... E ammetto che non sono cambiato molto da allora». Dal 1995 Wanders ha firmato oltre 1.900 prodotti – dalle sedute alle lampade, ai giocattoli – per decine di clienti nel mondo; i suoi progetti di interior design per residenze private e alberghi di lusso sono sempre più numerosi. Un esempio, l’hotel Mondrian Doha, appena inaugurato. Inoltre, le incursioni nel mondo delle arti spaziano dalla limited edition alla regia di video, all’editoria; mentre i suoi lavori sono esposti in mostre personali e collettive in alcuni dei musei più importanti a livello internazionale: l’ultima al Centre Georges Pompidou di Parigi nel 2016. E poi c’è il triplice impegno, come proprietario, direttore creativo e product designer, con il design brand Moooi, che lui stesso ha fondato nel 2001 e che lo porta sovente lontano da casa. «Ma la casa è casa se viene condivisa con qualcuno; altrimenti non ha significato. In questo momento quel qualcuno non c’è, perciò quando sono ad Amsterdam passo le giornate insieme alla mia “famiglia” di designer. Ci sono due gruppi di lavoro, opposti ma complementari, che io chiamo i miei “bimbi ordinati” e i miei “bimbi casinisti” e che si occupano rispettivamente di portare a termine il lavoro, e di infondere la magia nel lavoro finito. E il contatto con la “famiglia” è sempre costante, in qualunque parte del mondo mi trovi. Insieme a Gabriele Chiave, mio braccio destro e direttore creativo dello studio, tutto viene controllato. Non c’è lavoro che non nasca, e termini, da me e Gabriele. In mezzo, c’è sempre almeno uno di noi a seguirlo. Decidiamo insieme il concept, esprimiamo le nostre idee e solo quando raggiungiamo un accordo, partiamo».

Il mondo di Marcel Wanders è complesso, volutamente surreale, evidentemente irriverente, fondamentalmente drammatico; vitaminico ed estroverso. I suoi progetti si ispirano alle favole, ai cartoon, al circo, suscitando entusiasmi, ma anche critiche. Con lui termini come fantasia, industria umanizzata, successo commerciale, autorialità sono stati sdoganati. Insieme a decorazione: «La superficie è uno dei fattori con cui un designer deve rapportarsi, insieme a funzione, materia e tecnologia. Perché, allora, tralasciare una risorsa così preziosa, che rappresenta anche il primo livello di conoscenza di un oggetto attraverso la vista e il tatto? Immaginiamo che io debba fare un regalo a mia figlia: come designer contemporaneo potrei prendere un foglio di carta e realizzare per lei un bellissimo cubo grigio... Di certo scoppierebbe a piangere e penserebbe che non le voglio bene! Un padre perfetto le avrebbe regalato una scatola colorata, piena di ori e disegni. Perché se fai qualcosa per la persona che ami dai il massimo, fai tutto il possibile perché rimanga sorpresa e si senta amata. La parola decorazione ha una brutta accezione ma senza motivo. Lo trovo proprio ridicolo». Per Wanders il design non deve essere mai banale, né privo di significato. Il design ha una funzione sociale, come strumento per entrare in contatto con le persone attraverso il coinvolgimento di sentimenti istintivi. Per questo è importante che un progettista sappia comunicare: per arrivare a tutti in modi diversi, poiché le persone reagiscono al design in modo differente, esattamente come reagiscono alla vita. E per favorire questo dialogo il ruolo del tempo è fondamentale: se il passato è patrimonio e il futuro è responsabilità, il presente è il momento delle forti emozioni.

«Il design non può prescindere dal rapporto con il tempo. In questo è simile alla moda. Design e fashion sono due espressioni di cultura ma con lunghezze d’onda diverse. Il primo ha la capacità intrinseca di durare nel tempo, il secondo è legato agli aspetti più contingenti della nostra esistenza. Se il primo diventa veloce come il secondo tradiamo i suoi metodi; se il secondo rallenta ai tempi del primo tutto appare molto noioso. Essere parte di entrambi i mondi è fantastico. La collaborazione con la maison Louis Vuitton per la collezione Objets Nomades mi ha dato l’opportunità di interpretare questo senso del tempo come movimento, viaggio personale. Il mio design si muove: nel cambiamento trovo forza, energia, partecipazione». In una parola esuberanza, senza limiti e senza mezze misure; quella che lo porta sempre a pensare in grande: «Un desiderio per il futuro? Mi piacerebbe fare un’opera, dalla a alla z. Facciamo video, ci occupiamo di allestimenti... il passo non è lungo. Vogliamo lavorare sul valore delle cose a vantaggio del loro destinatario, cercando di essere olistici nella rappresentazione della bellezza, della qualità e dell’innovazione. Per questo si può comprendere il perché un’opera potrebbe essere un’evoluzione naturale del nostro modo di fare design. Ci sono le musiche, i testi, i costumi, le luci, il pubblico. C’è l’emozione e il cuore. Del resto il nostro lavoro vuole essere il più completo possibile; più completi siamo più la conversazione potrà essere interessante».

Il nuovo Apple Store a Milano

A due passi dal Duomo, in Piazza Liberty, sorgerà un grande anfiteatro aperto a tutti. Ecco come sarà

Nello spazio di un giorno

Una selezione di librerie, divani, tavolini, luci e pouf. Da scoprire nel servizio fotografico a cura di Jeremias Morandell e Lucatelli & Favaloro

Scavolini lancia l’e-commerce

L’azienda leader in Italia nel settore cucine inaugura una grande vetrina virtuale dove scegliere tra oltre 300mila combinazioni