Ditte Hammerstrøm, la curatrice dell'edizione 2018 - Credits: MINDCRAFT - Ph. Søren Rønholt
SAKYU, design di Rasmus Fenhann - Credits: MINDCRAFT - Ph. Anders Sune Berg
Dissolved into the fabric, design di Isabel Berglund - Credits: MINDCRAFT - Ph. Anders Sune Berg
Lick My Ass, design di Pettersen & Hein - Credits: MINDCRAFT - Ph. Anders Sune Berg
Black Matter, design di Anja Vang Kragh - Credits: MINDCRAFT - Ph. Anders Sune Berg
Milano Design Week

Mindcraft18: Danish Art & Design

Ricerca, sperimentazione, amore per i materiali e le loro possibilità espressive: questo il fil rouge che accomuna i designer e gli artisti danesi che animeranno la mostra Mindcraft18.

15 i protagonisti selezionati dalla curatrice e designer di quest'anno, Ditte Hammerstrøm, a cui è stato affidato il compito dalla Danish Arts Foundation di mettere in scena il concept espositivo che riunisce il meglio delle proposte di design e artigianato in occasione del Fuorisalone di Milano.

Nella cornice del chiostro storico di San Simpliciano (piazza Paolo VI 6, Milano), sculture, installazioni, e naturalmente mobili, daranno vita a un'esposizione suggestiva in cui diverse personalità dialogheranno fra di loro, ognuna con la propria esperienza e personalità.

Tra gli altri, incontrerete l'arte della lavorazione del legno a opera di Rasmus Fenhann, un designer danese i cui lavori stupiscono sia per ideazione che per manualità. Nelle sue mani il legno prende vita, trasformandosi in mobili scultura dalle mille sfaccettature inaspettate con ispirazioni giapponesi. Vedrete anche le installazioni morbide e scenografiche di Isabel Berglund: vere e proprie architetture dai colori accesi, realizzate a mano con semplice fili di corda cerata e dall'anima in metallo. O le proposte ironiche e giocose del duo, nella vita e nel lavoro, Pettersen & Hein (Lea Hein, Magnus Pettersen), lei designer e lui artista, che lavorano in sintonia perfetta: i loro pezzi sono delle presenze domestiche che solleticano il Peter Pan nascosto in ognuno di noi. Ma anche le creazioni ispirate al costruttivismo di Anja Vang Kragh, fashion designer che ha lavorato, tra gli altri, per Galliano, Dior, Stella McCartney e per il teatro: i suoi abiti e le sue scenografie si compongono di diversi tessuti accostati sapientemente a creare sculture da indossare o da guardare che colpiscono per il forte impatto evocativo.

Le installazioni correranno intorno al chiostro mentre al centro una seduta, ideata da Ditte, inviterà i visitatori a fermarsi concedendosi del tempo per ammirare le diverse opere.

News
Maison Heler, l’hotel di Philippe Starck

Milano Design Week
Rado Star Prize Italia 2018: ecco i progetti finalisti
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Franco Mazzucchelli a Milano

Franco Mazzucchelli a Milano

Dopo la grande mostra al Museo del Novecento, lo spazio Gaggenau DesignElementi HUB presenta una serie di opere inedite dell’artista milanese. Dal 21 giugno al 3 agosto
Kettal apre a New York

Kettal apre a New York

600 metri quadri, terrazza inclusa, per presentare tutte le collezioni a catalogo del brand spagnolo. In piena Manhattan, all’interno del D&D Building
Moda e design: il talk con Sir Paul Smith e Alberto Alessi ospitato da Rimadesio

Moda e design: il talk con Sir Paul Smith e Alberto Alessi ospitato da Rimadesio

Il presidente di Alessi, Sir Paul Smith e il direttore Michele Lupi: Rimadesio ospita una chiacchierata a tre sullo stretto rapporto tra moda e design
Il nostro ultimo rendez-vous

Il nostro ultimo rendez-vous

Estratto dal numero di aprile, il servizio fotografico di Thomas Brown ed Elena Mora, tra sedute, tavoli e lampade
Un brindisi negli studi di architettura

Un brindisi negli studi di architettura

A Milano torna ArchitectsParty, l’aperitivo itinerante negli studi di architettura organizzato da TOWANT. Dal 19 al 22 giugno