I vincitori del Salone del Mobile.Milano Award 2017
Milano Design Week

Salone del Mobile.Milano Award 2017: i vincitori

Giovedì 8 giugno sono stati proclamati presso La Triennale di Milano i nomi degli 11 vincitori della seconda edizione del Salone del Mobile.Milano Award, il premio dedicato a quanto di meglio il mondo dell’arredo e del design ha presentato durante l’edizione trascorsa della manifestazione.

11 le categorie: miglior prodotto Workplace3.0, miglior prodotto Euroluce, miglior prodotto xLux, miglior prodotto Classico, miglior allestimento, miglior prodotto arredamento, miglior designer esordiente, miglior designer, premio alla carriera, premio speciale della giuria, premio speciale Banca Intesa Sanpaolo.

Il premio è stato attribuito da una giuria composta da Silvana Annicchiarico, Direttrice del Triennale Design Museum, Milano; Domitilla Dardi, Curatrice per il design al MAXXI, Roma, Massimo Mini, CEO designboom, Ettore Mochetti, Direttore di AD Italia; Margherita Palli, scenografa; Livia Peraldo Matton, Direttrice di Elle Decor Italia, e Davide Rampello, Docente di Arti e mestieri dei territori al Politecnico di Milano.

Salone del Mobile.Milano Award 2017: i vincitori

Miglior prodotto Workplace3.0: Io.T / studio Gtp e Tecno
Per la maestria nel coniugare elementi tecnologici innovativi e funzionalità con i bisogni di relazione umana che l'ambiente ufficio contemporaneo richiede.

Miglior prodotto Euroluce: Filo / Andrea Anastasio / Foscarini
Per la capacità di rileggere la tradizione con un linguaggio contemporaneo e internazionale, in grado di dare un nuovo senso strutturale all'idea di decoro e personalizzare il prodotto seriale.

Miglior prodotto xLux: D.Vision3 / Ferruccio Laviani / F.lli Boffi
Per la capacità di proiettare i codici progettuali della tradizione classica nella cultura contemporanea. Segno di un nuovo eclettismo che enfatizza le potenzialità artigianali.

Miglior prodotto Classico: Collezione Black & White / Provasi
Per aver saputo coniugare materiali, lavorazioni e decorazioni di gusto contemporaneo (il rivestimento in pelle nabuk e tessuto, la borchiatura in argento vagamente orientaleggiante) e forme desunte invece dai grandi modelli del passato dando così vita a uno stile inedito e a modo suo innovativo pur se in continuità con l'eleganza della tradizione classica.

Miglior allestimento: Flos / Calvi Brambilla
Per un allestimento che va oltre la canonica nozione di stand fieristico per la capacità di condurre il visitatore fra i corpi illuminanti come in una narrazione. Dal fuori al dentro dove luci, colori, materiali, pieni e vuoti si orchestrano magistralmente.

Miglior prodotto arredamento: Pack / Francesco Binfaré / Edra
Perché trasforma un oggetto funzionale in una sorta di metafora transizionale: un divano confortevole che ripensa alle posture, capace di accogliere e coccolare. Ma anche un paesaggio domestico che diventa manifesto dei grandi cambiamenti epocali.

Miglior designer esordiente: Elena Salmistraro
Per la capacità di introdurre il proprio immaginario espressivo nel dialogo con la grande produzione seriale, arricchendola di nuovi spunti di riflessione.

Migliore designer: Philippe Starck
Per la coerenza con la quale negli anni è riuscito a creare oggetti che parlano un linguaggio internazionale. Un maestro del contemporaneo che continua a sorprenderci.

Premio alla carriera: Ernesto Gismondi
Per il senso di contemporaneità, per l’innato talento nel saper elaborare continue soluzioni formali che uniscono allo stesso tempo uno stato di leggerezza con la capacità di evocare un futuro prossimo.

Premio speciale della giuria: Marva Griffin
Per la generosità e alla lungimiranza di chi ha creduto in un progetto per e con i giovani: un tributo doveroso a una donna alla quale tutti sono grati e riconoscenti.

Premio speciale Banca Intesa Sanpaolo (partner istituzionale Salone del Mobile.Milano): De Castelli
Per “Tracing Identity”, un progetto corale capace di esaltare le qualità produttive dell’azienda attraverso le declinazioni di progettiste che interpretano la materia prima secondo la loro personale visione d’autore.

Places
La fabbrica della memoria
Products
Smart work
You may also like
La caldaia si trasforma in uno specchio

La caldaia si trasforma in uno specchio

Una caldaia che unisce funzionalità ed estetica, diventando vero e proprio elemento d’arredo. Ecco Osa di Unical
Albert Clock, l’orologio che insegna la matematica

Albert Clock, l’orologio che insegna la matematica

Tra addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni, leggere l’ora esatta diventa un gioco adatto per adulti e bambini. Per mantenere la mente allenata
A bordo di Eilean con Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai

A bordo di Eilean con Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai

Per scoprire come i suoi grandi amori, il lavoro e il mare, si sono congiunti dando vita alla celebre regata riservata alle vele d’epoca.
Una sala da pranzo in alta quota

Una sala da pranzo in alta quota

A Roma Frigo 2000 allestisce uno spazio speciale che fa da cucina, sala da pranzo e location per eventi. Il tutto sollevato da una gru, a 30 metri di altezza
Un rifugio appollaiato tra le White Mountains, negli States

Un rifugio appollaiato tra le White Mountains, negli States

Un’architettura in simbiosi con la topografia del luogo, con una vista a 360° gradi sulle vette che dominano il panorama
Spazio, Forma, Luce

Spazio, Forma, Luce

Divani, sedie, tavoli, cassettiere, lampade e tappeti. Nel servizio fotografico di Jeremias Morandell e Cameranesi & Pompili