Frame dal documentario di Mary Mattingly - Credits: A Blade of Grass e RAVA Films
Frame dal documentario di Adaku Utah - Credits: A Blade of Grass e RAVA Films
Frame dal documentario di Dread Scott - Credits: A Blade of Grass e RAVA Films
Frame dal documentario di Laura Chipley - Credits: A Blade of Grass e RAVA Films
Frame dal documentario di Suzanne Lacy - Credits: A Blade of Grass e RAVA Films
Frame dal documentario di The Plug-In Studio - Credits: A Blade of Grass e RAVA Films
News

Un incentivo alle buone pratiche

Milano Design Film Festival

A Blade of Grass (ABOG), l’organizzazione statunitense dedicata all’arte socialmente impegnata, annuncia le borse di studio del 2017.

Gli artisti Stephanie Dinkins, Rick Lowe, Ronny Quevedo, Aviva Rahmani, Ashley Sparks, Jackie Sumell, Freeman Word e il collettivo Hello Velocity realizzeranno durante l’estate progetti culturali tra New York, New Orleans, St. Louis, la Virginia rurale e Atene, in qualità di Paese ospitante documenta 14. L’intento dei progetti è proporre “buone pratiche” attraverso attività creative che coinvolgano la comunità locale. Ciascuna “campagna di lavoro” verrà poi condensata in un documentario di breve durata che non è soltanto la testimonianza video dell’attività, ma un vero e proprio video autorale sul tema e le persone coinvolte nel progetto.

Eloquente è il video Fieldworks: Mary Mattingly, Swale, tra i documentari realizzati nella scorsa edizione di ABOG, in cui l’artista ha realizzato nel Bronx di New York City un orto con una piccola coltivazione di fiori edibili. Il film breve è un monito per un’alimentazione più consapevole della stagionalità e della provenienza degli ingredienti. Come si fa presente nel video, il Bronx da un punto di vista alimentare è un “deserto americano”. Nel progetto sono stati coinvolti scienziati, biologi e la comunità locale, sottolineando quanto il cibo sia anche una questione politica.

Tra i temi affrontati dagli artisti selezionati quest’anno ci sono l’intelligenza artificiale e la sua relazione con comunità di etnie differenti, gli anziani e i più giovani; il progetto per un e-commerce che si adatta al livello di stipendio del consumatore; l’integrazione tra migranti e rifugiati politici ad Atene; la riqualificazione di un’area del Bronx attraverso la grafica e le insegne dei negozi; un’unità mobile per sensibilizzare sul tema della capacità riabilitativa delle carceri; la creazione collettiva di un bookstore ad alto contenuto spirituale.

Products
Moonraker Speaker, il suono che arreda
News
GioPagani sbarca a Londra da Harrods
You may also like
La mostra di Fornasetti a Roma

La mostra di Fornasetti a Roma

Palazzo Altemps celebra vent’anni di attività, e lo fa con una mostra dedicata al genio creativo di Fornasetti. Dal 16 dicembre al 6 maggio 2018
Ricevere un pacco quando non c

Ricevere un pacco quando non c'è nessuno in casa: la soluzione di Nendo

Lo studio di progettazione giapponese guidato da Oki Sato ha messo a punto un sistema ingegnoso per risolvere il problema delle consegne
Il giro del mondo in 21 città

Il giro del mondo in 21 città

In viaggio con l’architetto e graphic designer Federico Babina, tra clichè, stereotipi e simboli architettonici che hanno plasmato la memoria collettiva
Flexform apre a Hangzhou

Flexform apre a Hangzhou

L’azienda brianzola ha inaugurato un nuovo showroom oltreoceano, il quinto in Cina
Un tour di Firenze insieme a ZpStudio

Un tour di Firenze insieme a ZpStudio

Una piccola guida della città creata da Eva Parigi e Matteo Zetti, fondatori di ZpStudio
Vent’anni di Charles

Vent’anni di Charles

Antonio Citterio racconta la storia del divano che, progettato nel 1997, ancora oggi è un best seller di B&B Italia. Quando eleganza, innovazione, idee e savoir-faire dimostrano di superare la prova del tempo