Choi Moon-Guy, H Mu- sic Library (Seoul, 2012-2015) - Credits: Ph. Nam-gung Sun
Choi Moon-Guy, SSU Student Union (Seoul,2008-2011) - Credits: Ph. Nam-gung Sun
Jang Yoon-gyoo, Culture Forest (Seoul, 2009-2010) - Credits: Ph. Fernando Guerra
Jang Yoon-gyoo, Life Power (Seoul, 2006) - Credits: Ph. Namgoong Sun
Kim Jong-kyu, Hansen Museum (Yeosu, 2012-2015) - Credits: Ph. Kim Yong-kwan
Kim Jong-kyu, Jongkyu_Arumjigi (Seoul, 2011-2013) - Credits: Ph. Jonathan Lovekin
Kim-Jun sung, Humanist Office Seoul (2011-2012) - Credits: Ph. Nam-gung Sun
Kim Seung hoy, Soyul - Credits: Ph. Kim Jae-kyeong
Kim Young joon, Hakhyunsa Publishing Co (Paju, 2005-2008) - Credits: Ph. Kim Jae-kyeong
Kim Young joon, Hakhyunsa Publishing Co (Paju, 2005-2008) - Credits: Ph. Kim Jae-kyeong
News

Architettura coreana in scena a Roma

Dal 3 al 21 febbraio la Fondazione Pastificio Cerere di Roma ospita la mostra Sections of Autonomy. Six Korean Architects, a cura di Choi Won-joon e Luca Galofaro.

L’esposizione è dedicata all'architettura coreana contemporanea e racconta attraverso immagini, foto, disegni e modelli, il lavoro di sei progettisti tra i più rilevanti del panorama nazionale.

In mostra ci sono i lavori di Choi Moon-gyu (Ga.A Architects), Jang Yoon-gyoo (Unsangdong Architects Cooperation), Kim Jong-kyu (M.A.R.U.), Kim Jun-sung (Architecture Studio hANd), Kim Seung-hoy ( KYWC Architects), Kim Young-joon (YO2 Architects). Si tratta di sei architetti che professionalmente hanno esordito tra la fine degli anni Novanta e i primi del Duemila, un periodo storico significativo per la Corea perché caratterizzato da una crescente libertà politica e culturale.

«Essi rappresentano la prima generazione di architetti coreani non condizionati da pressioni ideologiche, e dunque liberi e capaci di esprimere completamente la propria autonomia, la propria individualità, la quale è radicata nella cultura locale, ma consapevole della ricerca architettonica internazionale. Come progettisti hanno saputo allontanarsi da un sistema di riferimenti e di valori prefissati, per elaborare i temi del presente attraverso le modalità, diversificate ed amplificate, del linguaggio architettonico», ha raccontato Choi Won-joon.

«Le architetture scelte ed esposte in mostra appaiono come frammenti della struttura urbana, capaci di riprodurre la complessità dello spazio pubblico circostante e di metabolizzare al loro interno l’estrema vivacità delle metropoli coreane», ha aggiunto Luca Galofaro.

L’allestimento è di studio LGSMA (Luca Galofaro Stefania Manna e Associati ) e prevede un percorso lineare che si apre con un’introduzione alla mostra di Choi Won-joon nella prima sala. Prosegue poi nelle successive ed incontrare sei isole, ognuna dedicata ad un architetto. Lo spazio dell’ultima sala è scandito dall’installazione di grandi lastre in vetro poggiate a terra, che assemblano suggestioni visive e rimandano ad un immaginario caleidoscopico della Corea.

News
Flexform inaugura un flaghsip store ad Amsterdam
News
Il documentario al confine con l’arte
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda veneziana di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne
Luigi Ghirri. Il paesaggio dell

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura

La Triennale di Milano omaggia il celebre fotografo emiliano mettendo in luce l'importanza della sua opera nell'ambito dell'architettura. Dal 25 maggio al 26 agosto
La seconda edizione di Milano Arch Week

La seconda edizione di Milano Arch Week

Una settimana di dibattiti, incontri, eventi e mostre sul futuro delle città. Da mercoledì 23 a domenica 27 maggio, ecco il programma
Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Si trova al 160 di Madison Avenue, nel cuore del NoMad Design District, ed è il primo al mondo a riunire i tre brand del Gruppo: Molteni&C, Dada, e UniFor
Michael Anastassiades, il designer della sorpresa

Michael Anastassiades, il designer della sorpresa

Alla ricerca di un equilibrio complesso. Perché ogni evoluzione è storia e ogni domanda è crescita, in un intreccio tra esperienza e lavoro che è vita vera