Bauhaus Dessau, 1926 - Credits: Bauhaus-Archiv, Collezione Fotostiftung Schweiz
Brocca e posacenere disegnati da Marianne Brandt, 1924 - Credits: Bauhaus-Archiv, Collezione Fotostiftung Schweiz
Monaco ortodosso, Monastero di Praskvica, Yugoslavia,1930 - Credits: Bauhaus-Archiv, Collezione Fotostiftung Schweiz
Walter Gropius, 1926 - Credits: Bauhaus-Archiv, Collezione Fotostiftung Schweiz
News

Il Bauhaus attraverso la lente di Lucia Moholy

Alessandro Mitola

L’edizione 2016 di PHotoEspaña, annuale forum internazionale di fotografia di casa a Madrid, si apre con una delle voci più rilevanti della fotografia modernista: Lucia Moholy.

Lucia Moholy, A Hundred Years è il titolo della mostra promossa da Fondazione Loewe, che dal prossimo 1 giugno al 30 agosto prenderà forma nella capitale spagnola, con la curatela di María Millán.

Fotografa, scrittrice e storica. Una vera e propria intellettuale impegnata. Lucia Moholy, nata a Praga nel 1894, si unì all’Università del Bauhaus nel 1923 in seguito al matrimonio con l’artista ungherese László Moholy.

Ben presto, iniziò a documentare le attività artistiche e di design dell’accademia in una serie di straordinarie fotografie, che le valsero il ruolo di fotografa ufficiale dell’istituzione fino al 1928.

Ritratti di colleghi e amici del Bauhaus, scatti di esterni e interni della struttura che comprendono i panorami del nuovo edificio di Dessau. Ma anche immagini che illustrano i prodotti creati all’interno dei laboratori della scuola sposando puro design e funzionalità.

Quello promosso da Loewe è un percorso tra primi piani, chiaroscuri, angolature inconsuete e tecniche fotografiche considerate insolite per il tempo, che regalano una tensione compositiva e una complessità grafica con cui Lucia Moholy ha anticipato i futuri sviluppi modernisti.

«Pensando ad un artista per l’edizione 2016 del festival, la scelta è stata naturale quando abbiamo analizzato l’opera di Moholy. È una donna e un personaggio affascinante e la mostra si sofferma sul suo calibro di pensatrice e artista. Che stia fotografando una persona o un oggetto, l'importanza che Moholy attribuisce a linee, luce e texture risulta evidente. Questo è ciò che la rende attuale e che crea un connubio perfetto con Loewe, una maison fondata sul design e la tecnica», spiega Jonathan Anderson, direttore creativo di Loewe.

Milano Design Week
Bross, la collezione firmata Giulio Iacchetti e Michael Schmidt
NYC Design
A New York una mostra celebra l’universo di Artek
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne
Luigi Ghirri. Il paesaggio dell

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura

La Triennale di Milano omaggia il celebre fotografo emiliano mettendo in luce l'importanza della sua opera nell'ambito dell'architettura. Dal 25 maggio al 26 agosto