The National Tourist Route Trollstigen, Reiulf Ramstad Architects - Credits: Diephotodesigner.de
News

Il Padiglione dei Paesi Nordici alla Biennale di Venezia 2016

Alessandro Mitola

In occasione della 15. Mostra Internazionale di Architettura organizzata dalla Biennale di Venezia e diretta dal premio Pritzker Alejandro Aravena, il Padiglione dei Paesi Nordici presenta In Therapy: Nordic Countries Face to Face, una mostra interamente dedicata alle architetture finlandesi, norvegesi e svedesi.

Curata da David Basulto e frutto della collaborazione tra il Museo dell’architettura finlandese di Helsinki, il Dipartimento dell’architettura del Museo Nazionale di Oslo e l’ArkDes di Stoccolma, In Therapy offre una panoramica sull’architettura scandinava interrogandosi su tre semplici quesiti. Cosa è stato fatto? Cosa viene fatto adesso? E cosa ci aspetta?

«La mostra mette faccia a faccia Finlandia, Norvegia e Svezia - tre paesi con storie, culture e atteggiamenti diversi di fronte al design - nello spazio ristretto dei giardini (l’ubicazione del Padiglione dei Paesi Nordici a Venezia), affrontando percezioni e preconcetti dell’architettura scandinava tramite l’analisi quanto più diretta possibile della sua manifestazione concreta», spiega Basulto.

Delle oltre 500 candidature sono stati selezionati nove progetti, che andranno a rappresentare lo spirito scandinavo attraverso un percorso che abbraccia un arco temporale di nove anni, per l'esattezza dal 2008 al 2016. Inoltre, la rassegna comprenderà una raccolta di riflessioni filmate, che mostreranno le connessioni e i conflitti tra l’architettura e la società scandinava in senso più ampio.

In Therapy sarà articolata attraverso tre sezioni: Fondamentale, ovvero l’architettura dedicata ai bisogni di base, che include strutture protettive, sanitarie e didattiche; Appartenenza, i luoghi designati alle relazioni, come spazi di culto, strutture civiche, luoghi di lavoro e progetti infrastrutturali; Riconoscimenti, che include monumenti, memoriali e progetti rivolti al panorama naturale.

Råå Daycare Center, Dorte Mandrup - Credits: Adam Mørk
Seinäjoki City Library, JKMM Architects - Credits: Tuomas Uusheimo
Kilden, ALA Architects /SMS Arkitekter - Credits: Iwan Baan
The New Crematorium Woodland Cemetary, Johan Celsing Architects - Credits: Ioana
The Finnish Nature Center, Lahdelma Mahlamaki - Credits: Mika Huisman
The Tree Hotel, Tham Videgård Arkitekter - Credits: Åke E:son Lindman
Puukuokka Housing Block, OOPEAA Architects - Credits: Mikko Auerniitty
Halden Prison, Erik Møller Architects / HLM Architecture - Credits: Trond Isaksen
News
DMY 2016: il design va in scena a Berlino
News
Biennale di Venezia, Matteo Cibic e Fabio Marullo a dialogo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne