John Madin: Birmingham City Library, Birmingham, Great Britain, 1969–1973, demolito nel 2016 - Credits: Ph. Jason Hood, 2016
Alexander Belokon / V. Sulimova: Gosstroy Residential Building, Baku, Aserbaijan, 1975 - Credits: Ph. Simona Rota, 2011
O. Gurevich / V. Zhukov: Hotel Rus, Saint Petersburg, Russia, 1980–1988 - Credits: Ph. Konstantin Antipin, 2016
Alison Smithson / Peter Smithson: Secondary Modern School (today: Smithdon High School), Hunstanton, Great Britain, 1949–1954 - Credits: Ph. Xavier de Jauréguiberry, 2008
Victor Leviash / Naum Matusevich: Building 5, Leningrad Electrotechnical Institute (today: Saint Petersburg Electrotechnical University), Saint Petersburg, Russia, 1965–1975 - Credits: Ph. Konstantin Antipin, 2016
Victor Leviash / Naum Matusevich: Building 5, Leningrad Electrotechnical Institute (today: Saint Petersburg Electrotechnical University), Saint Petersburg, Russia, 1965–1975 - Credits: Ph. Nikolai Vassiliev, 2017
Claude Parent / Paul Virilio: Sainte-Bernadette du Banlay, Nevers, France, 1963–1966 - Credits: Ph. Bruno Bellec, 2008
IACP (Carlo Celli / Luciano Celli): Rozzol Melara, Trieste, Italy, 1969–1982x - Credits: Ph. Paolo Mazzo, 2010
Minoru Yamasaki / Modam (Mohammad Reza Moghtader): Pahlavi University (today: Shiraz University), Shiraz, Iran, 1960–1979 - Credits: Ph. Hamid Reza Bani, 2017
Theodore “Tao” Gofers: Sirius Apartment Building, Sydney, Australia, 1978–1980 - Credits: Ph. Craig Hayman, 2017
esús Sandoval / Tomás Lugo Marcano / Dietrich Kunckel: Teresa Carreño Theater, Caracas, Venezuela, 1971–1983 - Credits: Ph. Antolin Sanchez, 1990
Fritz Wotruba: Holy Trinity Church, Wien-Mauer, Austria, 1971–1976 - Credits: Ph. Wolfgang Leeb, 2011
John S. Bonnington Partnership (JSBP) / Kuwait Engineering Office (KEO): Souq Al-Muttaheda / Souq Al Masseel, Kuwait City, Kuwait, 1973–1979 - Credits: Ph. Nelson Garrido, 2013
Credits: Ph. Relja Ivanic, 2016
News

In difesa del Brutalismo

Fino al prossimo 2 aprile il Deutsches Architektur Museum (DAM) di Francoforte presenta una mostra interamente dedicata al Brutalismo, realizzata in collaborazione con la Fondazione Wüstenrot e curata da Oliver Elser.

SOS Brutalism, come si intuisce dal titolo, invita a conoscere una delle più importanti correnti architettoniche del secolo scorso, ma anche a preservarne l'integrità.

Molti degli edifici brutalisti rischiano infatti di scomparire, come testimonia la recente vicenda del complesso Robin Hood Gardens a Londra progettato da Alison e Peter Smithson, oggi a rischio di demolizione.

Il percorso espositivo è un omaggio al carattere crudo del calcestruzzo, materiale principe impiegato per la costruzione degli edifici brutalisti negli anni Cinquanta-Settanta.

L’allestimento raccoglie modelli realizzati dalla Technische Universität di Kaiserslautern, fotografie e testi, prendendo in esame architetture realizzate in tutto il mondo, dall'Italia alla Gran Bretagna, dal Giappone all'ex Jugoslavia a Israele, passando per il Brasile. 

E per chi fosse interessato a saperne di più sul movimento brutalista, è stata lanciata una campagna, #SOSBrutalism, pensata come un’estensione della mostra: un archivio consultabile online realizzato in collaborazione con le riviste BauNetz e uncube con oltre mille progetti architettonici che hanno il calcestruzzo nel dna.

 

 

Storytelling
Faye Toogood, tra moda, interiors, design e arte
News
Il disordine secondo la designer Astrid Luglio
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne