WonderGlass - Kosmogonos - Horah by Raw Edges - Credits: Image: Leonardo Duggento
News

Design.ve, il festival diffuso

È una mostra diffusa. Anzi meglio, è un un percorso espositivo a tappe che rivela il lato meno scontato di Venezia e del design.

Inaugurato in occasione della 16esima Mostra Internazionale di Architettura e realizzato grazie al sostegno di Generali Italia, il Festival Biennale del Design a Venezia Design.Ve (fino al 17 giugno) è un itinerario attraverso la città - e i suoi luoghi più intimi e nascosti - che presenta una serie di progetti innovativi sviluppati in Italia e all'estero.

Cuore dell'iniziativa è la mostra collettiva Design After Darwin – Adapted to Adaptability, che partendo dalla teoria darwiniana lancia una riflessione sulle potenzialità del design nell'interpretare le trasformazioni della società contemporanea. Ad affiancarla sono diciassette progetti espositivi distribuiti in vari palazzi, chiese e luoghi della città, tutti da scoprire attraverso i percorsi Design Walks. Ecco quelli da non perdere.

Design after Darwin

Design after Darwin - Credits: Foto: Teo Zanin
Design after Darwin - Credits: Foto: Teo Zanin
Design after Darwin - Credits: Foto: Teo Zanin

Offre uno sguardo alternativo sul design – e sulle classiche funzioni attribuite agli oggetti – la mostra Design after Darwin - Adapted to Adaptability. Attraverso le opere di più di 30 designer – tra cui i Fratelli Campana, Martino Gamper, Alberto Meda, Federico Peri e Luca Nichetto – viene esplorata la capacità del design di adattarsi al cambiamento sociale e di imporsi come propulsore dei fenomeni che modellano il presente. La mostra si articola in quattro filtri concettuali – molteplicità, riconfigurazione, riutilizzo e trasfigurazione – proponendo nuovi modelli di interazione tra gli oggetti e i loro fruitori. Ci si interroga sul ruolo del design, sulla sua adattabilità temporale e sul valore della bellezza, ieri come oggi.

  • Dove: Palazzo Morosini Gatterburg in Campo Santo Stefano, fino al 17 giugno.

Wonderglass - Kosmogonos

WonderGlass - Kosmogonos - Credits: Image: Leonardo Duggento
WonderGlass - Kosmogonos - Horah by Raw Edges - Credits: Image: Leonardo Duggento
WonderGlass - Kosmogonos - Horah by Raw Edges - Credits: Image: Leonardo Duggento

Gravità, materia e inconsistenza sono i concetti che danno forma a Kosmogonos, l'esposizione presentata da WonderGlass e Studiopluz presso la Chiesa dell'Ospedaletto di Venezia. Protagonisti dallo spazio sono il vetro, il suono e la luce: le sculture di vetro Urban Reflection ed Echo - realizzate dallo studio multidisciplinare londinese Studiopluz - interagiscono con Horah, il progetto luminoso progettato da WonderGlass e disegnato dal duo Raw Edges. Il risultato è un'installazione immersiva, in dialogo con gli ambienti suggestivi della Chiesa dell'Ospedaletto, quasi sempre chiusa al pubblico.

  • Dove: Chiesa dell'Ospedaletto, fino al 23 giugno.

Cedit - Ambienti

Ambienti
Ambienti - Credits: Foto: Vanni Borghi
Cromatica - rosa gioielleria particolare

In occasione della Biennale Architettura e nell'ambito di Design.ve, Florim presenta cinque collezioni di lastre ceramiche realizzate per il proprio marchio Cedit. A firmarle sono gli artisti e designer Formafantasma, Giorgio Griffa, Franco Guerzoni, Zanellato/Bortotto e Zaven. Le loro opere compongono un allestimento espositivo che reinterpreta il senso dell'abitare contemporaneo mettendo al centro l'uso della ceramica nella creazione di rivestimenti dal forte impatto estetico e decorativo.

  • Dove: Campo Santo Stefano, San Marco 2828/A, fino al 23 giugno.

Why What Who - London College of Fashion

Ana Rajcevic - ANIMAL
Daniel ramon Obregón - Mouth

Concretizzare le idee più folli e creative, ma soprattutto sperimentare linguaggi, stili, tessuti e materiali: è quello che fa il corso di studi post-graduate Fashion Artefact della London College of Fashion. Concepito e organizzato dall'artista, designer e curatore Dai Rees, festeggia oggi gli undici anni di età mettendo in mostra le opere più visionarie realizzate fino ad ora da 21 studenti. Nasce così Why What Who - 10 Years of Fashion Artefacts, mostra collettiva che si basa sull'assunto che ogni “fashion artefact” rappresenti una matafora postmoderna di quello che accade nella società di oggi. Una visione alternativa e provocatoria della moda che si lega all'arte e al design, ma anche (e soprattutto) alla coscienza politica e sociale.

  • Dove: Castello, Fondamenta della Tana 2010, 2011, 2109, fino al 17 giugno.

Aphrodisia - Animal Spirits

Circle by Mali Weil - aphrodisia collection
Circle by Mali Weil - aphrodisia collection
Circle by Mali Weil - aphrodisia collection

Ai confini tra arte e design si muove Animal Spirits, il brand art-based diretto da Mali Weil (Elisa Di Liberato, Lorenzo Facchinelli e Mara Ferrieri). A presentare i suoi elementi d'arredo in edizione limitata è un allestimento intimo e immaginifico organizzato in un interno privato veneziano. Caratterizza le opere esposte la fusione tra design e performance, che è cifra stilistica del marchio: ne nascono oggetti in equilibrio tra funzionalità e narrazione. Da usare, osservare, ascoltare.

  • Dove: Campiello del Cristo, Castello 3205, fino al 17 giugno.

CASA IED: Grand Canal edition

The macarons lamp - Aquini
Alba - Oluce - Mariana Pellegrino Soto
Testa di doge di Gregorio

Presentata durante il Salone del Mobile di Milano, Casa IED arriva a Venezia riproducendo il concept originale dell'iniziativa a Palazzo Franchetti. Qui, i progetti degli alunni dell'Istituto Europeo di Design sono allestiti in una zona giorno e una notte, con una novità: i lavori realizzati da alcuni docenti di IED Venezia tra cui Davide Aquini e gli Zaven - vincitori del premio per il design di Wallpaper -, Francesco Tencalla e Gaetano Di Gregorio. A settembre poi, in occcasione della Venice Glass Week gli spazi di Casa IED si arricchiranno di alcuni elementi in vetro realizzati da alcuni designer veneziani.

  • Dove: Palazzo Franchetti, fino al 23 settembre.

San Servolo - Isola del design

San Servolo - Isola del Design
San Servolo - Isola del Design
San Servolo - Isola del Design

L'isola di San Servolo si trasforma in un laboratorio di design in progress diventando la sede ufficiale del Venice Innovation Design, progetto che mette a disposizione gli spazi polifunzionali e il parco dell'Isola alle opere più innovative sviluppate da aziende e designer. Concepita dalla società San Servolo Srl insieme alla Venice International University, l'iniziativa ha l'obiettivo di rendere l'Isola un hub creativo che farà incontrare design, innovazione e tecnologia. Le aziende potranno sperimentare ed esporre i propri lavori più significativi, contribuendo a trasformare l'isola di San Servolo in uno spazio espositivo permanente.

News
Dove arte e design si incontrano: Design Miami
Storytelling
Sári Ember in mostra alla Galleria Campari
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Get back in shape

Get back in shape

Tra moda e design, il servizio fotografico di Moos-Tang, Chiara Spennato ed Elisa Musso per Icon Design
Instax Square SQ6, la nuova fotocamera istantanea di Fujifilm

Instax Square SQ6, la nuova fotocamera istantanea di Fujifilm

Dal design semplice e lineare, è concepita per gli amanti del formato quadrato. In tre colorazioni: pearl white, blush gold e graphite gray
I vincitori del Compasso d’Oro 2018

I vincitori del Compasso d’Oro 2018

Dall'Alfa Romeo Giulia alla famiglia di lampade Discovery di Artemide, passando per la Fondazione Prada. Tutti i progetti vincitori del più antico e autorevole premio di design
Il (primo) libro illustrato sul design firmato Nendo

Il (primo) libro illustrato sul design firmato Nendo

Un progetto editoriale che mette in luce l’applicazione del pensiero creativo alla risoluzione dei piccoli problemi quotidiani
A Palermo è in scena Manifesta, Biennale nomade di arte e cultura

A Palermo è in scena Manifesta, Biennale nomade di arte e cultura

Il capoluogo siciliano ospita la rassegna che affronta temi sensibili come l’immigrazione e la relazioni interculturali. Fino al prossimo 4 novembre