Disegni per le lampade Tahiti e Cavalieri, 1981
Da sinistra: Tahiti, Memphis, 1981; Nr. 20084, Don, Stilnovo spa, 1977; Halo Click, Philips, 1988 - Credits: Ph. Jürgen Hans
Ashoka, Memphis, 1981 - Credits: Ph. Jürgen Hans
Credits: Ph. Jürgen Hans
Rocchettone, Poltronova, 1965 - Credits: Ph. Jürgen Hans
Kubirolo, Poltronova, 1966-1967 - Credits: Ph. Jürgen Hans
Califfo, Poltronova, 1964 Manufacturer - Credits: Ph. Jürgen Hans
Synthesis 45, Olivetti, 1972 - Credits: Ph. Jürgen Hans
Valentine, Olivetti, Ettore Sottsass e Perry A. King, 1969
Uno scatto tratto dalla serie Metafore, Vich, 1973 - Credits: Studio Ettore Sottsass
Uno scatto tratto dalla serie Metafore, Banolas, 1973 - Credits: Studio Ettore Sottsass
Uno scatto tratto dalla serie Metafore, Balaguer, 1974 - Credits: Studio Ettore Sottsass
Uno scatto tratto dalla serie Metafore, Predazzo, 1976 - Credits: Studio Ettore Sottsass
News

Ettore Sottsass al Vitra Design Museum

Dal 14 luglio al 24 settembre il Vitra Design Museum celebra il centenario dalla nascita di Ettore Sottsass, una delle figure più significative e anticonformiste del XX secolo.

Lo fa con la mostra dal titolo Ettore Sottsass – Rebel and Poet ospitata negli spazi dello Schaudepotpresentando una panoramica di opere che abbracciano diverse discipline, dagli arredi ai testi scritti, passando per le fotografie.

Tra i pezzi più riconoscibili ci sono gli arredi progettati dal designer italo-austriaco per il gruppo Memphis negli anni Ottanta, oggetti scevri dalla visione del design legato alla funzionalità. Icone come la libreria Carlton (1981), le lampade Ashoka (1981) e Tahiti (1981), e la scrivania Tartar (1985).

Prima ancora, negli anni Cinquanta, il lessico progettuale dei disegni Memphis era già rintracciabile nel pensiero di Sottsass. Nel ruolo di direttore artistico del mobilificio Poltronova (1958-1974) sviluppò un suo stile utilizzando un'espressiva combinazione di colori e strutture. Durante la sua attività di designer per Olivetti, dal 1957 in poi, creò oggetti leggendari come la macchina da scrivere Valentine (1969), che divenne un simbolo del pop design.

La grande esposizione del Vitra Design Museum illustra questo sviluppo con opere raccogliendo opere come il sofa Califfo (1964), il comò Cubirolo (1966-67) e pezzi dalla serie Mobili Grigi (1970) per Poltronova, o rarità come la sedia Tappeto Volante (1974), la Sedia Seggiolina da pranzo (1979-80) per Alchimia e altri oggetti firmati Memphis.

A questi si affiancano poi i testi poetico-letterari: le fotografie tratte dalla serie Metafore (1972-1979) mostrano che l'interesse di Sottsass per la spiritualità e per le culture arcaiche è stata una diretta fonte di ispirazione per la creazione di progetti per Alchimia, Memphis e Olivetti.

Products
Porsche Design Book One: il dispositivo multifunzionale due in uno
Places
Un edificio non iconico a Dubai
You may also like
Hi Pedini, la cucina intelligente che dialoga con le persone

Hi Pedini, la cucina intelligente che dialoga con le persone

Non è fantascienza, ma la nuova cucina nata dalla sinergia tra l’azienda marchigiana e Microsoft, con la collaborazione di IoMote
Snackshot! Accessori per la tavola di design

Snackshot! Accessori per la tavola di design

Una carrellata di idee per impreziosire la tavola. Da scoprire nel servizio di Massimo Novaresi con il set e food design di Codecasa e Alquati
Il nuovo flagship store ARAN Cucine a Milano

Il nuovo flagship store ARAN Cucine a Milano

Nell’area di Porta Nuova, uno spazio di 900 metri quadri sviluppato su tre livelli interamente dedicati al mondo della cucina
Icon Design di novembre e dicembre è in edicola

Icon Design di novembre e dicembre è in edicola

Un po’ di pagine dal nuovo numero, che trovate in edicola da lunedì 20 novembre. In copertina c'è il designer giapponese Tokujin Yoshioka
Cinque libri da regalare a Natale

Cinque libri da regalare a Natale

Ecco cinque titoli freschi di pubblicazione che potete regalare o farvi regalare il prossimo Natale. Buona lettura
Fiabe da indossare: i gioielli di Francesca Mo

Fiabe da indossare: i gioielli di Francesca Mo

Il minimalismo e l'arte povera sono alla base del suo alfabeto artistico che si esprime nell’equilibrio di colori, forme, materiali