Alessandro Mendini, Kandissone, collezione Bauhaus Side 1 – Alchimia, 1978
Alessandro Mendini, Kandissone, tovaglia nella mostra “Tavole futuriste” di Piero Fornasetti, Milano, 1979
Alessandro Mendini, Catalogo Stilemi uno, 2006
Alessandro Mendini, Catalogo Stilemi tre, 2006
Alessandro Mendini, Catalogo Stilemi sette, 2006
Atelier Mendini, Alex, chaise longue in plastica rotazionale, progetto con Alex Mocika e Bruno Gregory, 2017
Studio Nucleo, Sunset
Maurizio Nannucci, Something happened, 2009
Marzia Migliora, Senza titolo (Forever Overhead, foto 3), 2010
Marco Basta, Pioggia Invernale, 2011
Gregorio Botta, Nuziale, 2011
Giovanna Silvia,
Gianfranco Baruchello
Gabriele Picco, La vacanza, 2017
Rä di Martino, Swimmer
News

Il Festival del Paesaggio di Anacapri

Il Festival del Paesaggio di Anacapri fa il bis e torna dal 15 luglio al 30 settembre con un percorso diffuso di mostre, incontri, installazioni, un programma di residenze d’artista e workshop con gli studenti dell’isola per riflettere sul legame tra paesaggio naturale e architettonico.

L’evento è a cura di Arianna Rosica e Gianluca Riccio ed è realizzato dall’associazione culturale il Rosaio, in collaborazione con il Comune di Anacapri, la Sovrintendenza Belle Arti e Paesaggio di Napoli, l’Accademia di Belle Arti di Urbino e il Capri Palace Hotel. Dopo il debutto dedicato a Luigi Ghirri, quest’anno il Festival ha come protagonista Fortunato Depero e omaggia il centenario dell’arrivo del celebre artista a Capri.

Tra gli appuntamenti da non perdere, sabato 15 luglio l’inaugurazione della collettiva Anatomia del paesaggio al chiostro di San Nicola, un omaggio alla tradizione artistica che risale ai Bagni misteriosi di Giorgio de Chirico e all’opera di David Hockney. Un viaggio incentrato sul tema della piscina intesa come luogo nostalgico e melanconico della modernità. In mostra le opere di Gianfranco Baruchello, Marco Basta, Gregorio Botta, Rä di Martino, Marzia Migliora, Maurizio Nannucci, Studio Nucleo, Gabriele Picco e Giovanna Silva. 

Il 22 luglio sarà la volta di 1917-2017 Depero/Mendini, mostra omaggio che l’architetto e designer Alessandro Mendini dedica alla stagione caprese del grande artista futurista: un percorso intrecciato di echi e rimandi attraverso il tempo e la storia. La mostra presenta una selezione inedita di documenti e immagini d’epoca che raccontano i mesi vissuti da Depero a Capri nell’estate del 1917 e un ciclo di opere, in parte inedite, che Mendini ha realizzato nel corso degli anni ispirandosi all’iconografia deperiana.

Il programma completo della rassegna è consultabile qui.

Places
Solo House II, in Spagna la casa vacanze firmata Office KGDVS
Places
M89 Hotel, una nuova destinazione business a Milano
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne