Hotel Parco dei Principi di Sorrento
Gio Ponti - Le Infinite Combinazioni - Credits: La Triennale
Decoro Tipo 27, Gio Ponti - Credits: La Triennale
Credits: La Triennale
Alcuni schizzi del progetto - Credits: La Triennale
Decoro Tipo 13, disegno originale di Gio Ponti - Credits: La Triennale
Decoro Tipo 15, disegno originale di Gio Ponti - Credits: La Triennale
Gio Ponti al lavoro presso Ceramica D'Agostino, 1970 - Credits: La Triennale
News

Le ceramiche di Gio Ponti in mostra a Milano

Abbracciano tutti i toni del blu le ceramiche disegnate nel 1962 da Gio Ponti per l’Hotel Parco dei Principi di Sorrento, storica architettura incastonata nella roccia che affaccia sul Golfo di Napoli. Le splendide maioliche sono realizzate dal maestro milanese mediante una serie di combinazioni matematiche e geometriche, e rivestono tutte e cento le camere, così come la hall, la reception, il bar e il ristorante.

«Date a uno un quadrato di venti per e, benché nei secoli tutti si siano sbizzarriti con infiniti disegni, c’è sempre posto per un disegno nuovo, per un  vostro disegno, non ci sarà mai l’ultimo disegno», scriveva Ponti a proposito del progetto di Sorrento.

In scena alla Triennale di Milano, dal 10 febbraio al 5 marzo, la mostra Gio Ponti: L’Infinito Blu curata da Aldo Colonetti e Patrizia Famiglietti, con la collaborazione di Salvatore Licitra, presenta i disegni originali di Gio Ponti, unitamente agli appunti di lavorazione, le fotografie del laboratorio dell’azienda dove l’architetto ha lavorato a fianco degli artigiani e operai, insieme alle ceramiche originali dell’epoca. E inoltre mette in scena la riproduzione di 27 maioliche, insieme a 5 decori inediti, oggi realizzati dai maestri decoratori della Ceramica Francesco De Maio, che nel 1990 ha rilevato la ex Ceramica D’Agostino, oggi Antiche Fornaci D’Agostino.

A complemento della mostra, un catalogo che annovera interventi di Aldo Colonetti, Gianni De Maio, Patrizia Famiglietti, Salvatore Licitra, Lisa Licitra Ponti, Fulvio Irace, Fabrizio Mautone e, in particolare un dialogo con l’amico Gillo Dorfles, con cui Gio Ponti seguì la direzione della rivista Domus.

Milano Design Week
Ventura Lambrate 2017, gli appuntamenti da non perdere
Places
Gioco di coppia
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano