Il nuovo Gucci Hub di via Mecenate 79, a Milano
Il nuovo quartier generale della maison sorge in un'ex fabbrica aeronautica
News

Il nuovo Gucci Hub firmato Piuarch

Dopo tre anni di ristrutturazione ha inaugurato a Milano - al 79 di via Mecenate - Gucci Hub, il nuovo quartier generale della casa di moda fiorentina.

La struttura nasce dalle ceneri dell’ex fabbrica aeronautica Caproni, dove dal 1915 al 1950 venivano costruiti biplani e triplani, che spiccavano i loro voli di prova e collaudo sull’adiacente campo di volo di Taliedo.

Gucci Hub si estende su una superficie di 35mila metri quadrati e accoglie insieme per la prima volta tutti gli uffici meneghini del marchio, gli showroom, lo spazio destinato alle sfilate, le attività grafiche e lo studio fotografico, all’interno di una location che ospita oltre 250 persone.

A firmare il progetto è stato lo studio milanese Piuarch, che nel 2013 ha accettato l’incarico di recuperare il patrimonio architettonico preesistente definendo un impianto volumetrico e concettuale capace di accogliere le esigenze di un moderno headquarter.

Gucci Hub si configura come un progetto sostenibile: al suo interno è presente un bosco, una piazza alberata, giardini diffusi, patii e pareti verdi, con tanto di certificazione Leed Gold.

Il cuore del complesso è costituito una torre di sei piani costruita ex-novo, con le pareti in vetro, che insiste su una superficie di oltre 3mila metri quadri. Il volume e la forma della torre, con i suoi componenti neri e di metallo, producono un forte contrasto con le pareti di mattoni rossi degli edifici storici. A questi si affianca il parcheggio sotterraneo, che può contenere 300 auto.

Ad ispirare gli interni di Gucci Hub è stata la visione e l’estetica del Direttore Creativo, Alessandro Michele. Le singole aree sono state arredate con pezzi perlopiù unici, valutando la configurazione degli spazi: poltrone da teatro, vecchi piani di lavoro da bar, schermi vintage, poltrone e tavolini.

Places
Cinque ristoranti stellati da non perdere
News
Anversa, la nuova Port House disegnata da Zaha Hadid
You may also like
Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Gli organizzatori fanno sapere che l’edizione 2018 non si terrà, ma in compenso ci sarà un’altra novità
Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Artigianalità made in Italy e design giapponese: la storica azienda fondata nel 1921 rinnova il sodalizio con l’architetto giapponese
Nendo ripensa la zip per YKK

Nendo ripensa la zip per YKK

La pratica chiusura che sostituisce i bottoni declinata in cinque nuovi design per YKK, la società giapponese che la produce dal 1934
Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Pietra grezza, legno di abete povero e cemento a vista sono i materiali protagonisti di questa villa isolata che, dalle colline liguri, si affaccia su un paesaggio marino mozzafiato
Una sauna galleggiante, in Svezia

Una sauna galleggiante, in Svezia

A firmarla è lo studio di progettazione milanese Small Architecture Workshop. Siamo ad Åmot, circa tre ore a nord di Stoccolma, nel cuore della foresta svedese
I vincitori della Targa Bonetto 2017

I vincitori della Targa Bonetto 2017

Ecco come è andata la 22esima edizione del concorso che premia i migliori designer in erba