Erich Consemüller, Scene du Bauhaus: una sconosciuta seduta sulla Sedia Wassily di Marcel Breuer indossa un abito di Lis Beyer e una maschera di Oskar Schlemmer - Credits: Bauhaus-Archiv Berlin
Muller Van Severen, 2012 - Credits: Musée des Arts Décoratifs
Wilhelm Wagenfeld, lampada da tavolo, 1923-1924 - Credits: Centre Pompidou, MNAM-CCI
Vassily Kandinsky, 1922-1933 - Credits: Centre Pompidou, MNAM-CCI
Marianne Brandt, Autoritratto nell'Atelier Bauhaus Dessau, 1928-1929 - Credits: Bauhaus-Archiv Berlin
Marianne Brandt, teiera in argento con colino, 1924 - Credits: The Metropolitan Museum of Art
Josef Albers, tavolini impilabili, 1927 - Credits: The Josef and Anni Albers Foundation
Marcel Breuer, tavolini impilabili, 1928 - Credits: Musée des Arts Décoratifs
Mathieu Mercier, Senza Titolo, 2011 - Credits: Ph. Mathieu Mercier e Mehdi Chouakri Berlin
Peter Behrens, servizio di bicchieri, 1902 - Credits: Musée des Arts Décoratifs
Ruth Consemuller, tappeto, 1926 - Credits: Bauhaus-universität Weimar, Archiv der Moderne
Alma Buscher, Trottole, 1923 - Credits: The Design Museum - Ph. Alexander Laurenzo
Josef Albers, Tasse à thé avec soucoupe et remueur/brasseur, verre thermorésistant, acier chromé, ébène et porcelaine, 1925 - Credits: Musée des Arts Décoratifs
Fanette Mellier, Play, 2015 - Credits: Fotokino 2015
Pierre Charpin, Collezione Torno Subito, 2000-2001 - Credits: Musée des Arts Décoratifs
Karina Bisch, Leftovers (African version), 2006 - Credits: Karina Bisch, ADAGP 2016
News

Il Bauhaus è in mostra a Parigi

Fino al 26 febbraio 2017 il Museo di Arti Decorative di Parigi ospita una mostra interamente dedicata al Bauhaus, corrente artistica nata nel 1919 a Weimar, in Germania.

In esposizione ci sono circa 900 opere, che raccontano la filosofia della scuola di architettura, arte e design fondata dall'architetto tedesco Walter Gropius e che operò fino al 1933. 

Tra oggetti, arredi, tessuti, modelli e dipinti, L'esprit du Bauhaus ripercorre la storia di uno tra i più fertili movimenti culturali del Novecento, che ha attraversato trasversalmente architettura, design, scultura, pittura, fotografia e tipografia.

L’esposizione esplora le diverse fasi del Bauhaus, partendo dai primi passi e accompagnando i visitatori attraverso un vero e proprio programma di insegnamento, che va dal corso preliminare fino ad arrivare a workshop e laboratori specialistici.

Il percorso si conclude con uno spazio a cura Mathieu Mercier dove ad alternarsi sono le opere di quarantanove artisti, designer, grafici e stilisti - tutti nati dopo il 1960 - che hanno raccolto l’eredità del movimento Bauhaus.

News
Mortarotti e Hamzehian e il nuovo documentario dei luoghi di frontiera
Storytelling
Ripensare il mondo: il design riscopre la sua vocazione sociale
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne