News

Konstantin Grcic: il mestiere del designer

Milano Design Film Festival

Alla quinta edizione di Milano Design Film Festival (Anteo Palazzo del Cinema, 19-22 ottobre) sarà proiettato il biopic Konstantin Grcic. Design is work del regista tedesco Gereon Wetzel (Germania, 2016, 53’).

La pellicola segue il designer per più di un anno nel suo studio a Monaco, negli appuntamenti con i clienti e nella sua dimensione pubblica di designer di successo durante caotiche kermesse come il Salone del Mobile di Milano. Wetzel vuole mettere in evidenza l’approccio progettuale di Grcic, la finalità e il senso profondo della sua ricerca nell’ambito del furniture design e la lotta per le giuste decisioni con il cliente. È un viaggio nella gestazione dei prodotti: sono svelati i quesiti e le fasi progettuali, la ricerca nei materiali, le prove e i mock-up. Ma soprattutto la costante tensione di Grcic verso qualcosa di innovativo e sensato. Questi passaggi sono definiti nel film attraverso casi studio specifici come la famosa Chair One e la recente linea di mobili in ghisa, entrambe prodotte da Magis con cui Konstantin Grcic collabora da circa quindici anni. Conversazioni con Eugenio Perazza, presidente dell’azienda, sono riprese per mostrare l’importanza dello scambio reciproco di informazioni e competenze. E anche la scelta da parte di Grcic di clienti dalla forte personalità e con precise istanze.

La telecamera di Wetzel riprende il volto del designer con inquadrature vicine, ma senza apparire invasiva. Coinvolge direttamente gli spettatori come fossero presenti ai momenti di vita quotidiana. Stralci di conversazioni, tagli di interviste e pensieri a voce alta del designer costituiscono la voce narrante del documentario, suddiviso in capitoli. In questo modo Wetzel fa emergere la personalità forte e coinvolgente del protagonista, le sue idee di essenzialità e comfort e di rispetto del contesto e delle persone. È un documentario che descrive in modo chiaro anche i tratti contemporanei del design industriale di Grcic che ha progettato per importanti aziende internazionali (Vitra, Magis, Iittalla, Krups, Lamy, Muji, Hugo Boss, Rado, Audi tra gli altri). È uno stralcio anche sull’essenza dei suoi oggetti divenuti icona, o destinati a diventarlo, pensati non per proiettarsi nel futuro ma per vivere meglio il presente.

News
Giulio Cappellini alla guida di Icone Luce
News
Come ridurre lo stress del 70 per cento
You may also like
Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Gli organizzatori fanno sapere che l’edizione 2018 non si terrà, ma in compenso ci sarà un’altra novità
Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Artigianalità made in Italy e design giapponese: la storica azienda fondata nel 1921 rinnova il sodalizio con l’architetto giapponese
Nendo ripensa la zip per YKK

Nendo ripensa la zip per YKK

La pratica chiusura che sostituisce i bottoni declinata in cinque nuovi design per YKK, la società giapponese che la produce dal 1934
Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Pietra grezza, legno di abete povero e cemento a vista sono i materiali protagonisti di questa villa isolata che, dalle colline liguri, si affaccia su un paesaggio marino mozzafiato
Una sauna galleggiante, in Svezia

Una sauna galleggiante, in Svezia

A firmarla è lo studio di progettazione milanese Small Architecture Workshop. Siamo ad Åmot, circa tre ore a nord di Stoccolma, nel cuore della foresta svedese
I vincitori della Targa Bonetto 2017

I vincitori della Targa Bonetto 2017

Ecco come è andata la 22esima edizione del concorso che premia i migliori designer in erba