News

Konstantin Grcic: il mestiere del designer

Milano Design Film Festival

Alla quinta edizione di Milano Design Film Festival (Anteo Palazzo del Cinema, 19-22 ottobre) sarà proiettato il biopic Konstantin Grcic. Design is work del regista tedesco Gereon Wetzel (Germania, 2016, 53’).

La pellicola segue il designer per più di un anno nel suo studio a Monaco, negli appuntamenti con i clienti e nella sua dimensione pubblica di designer di successo durante caotiche kermesse come il Salone del Mobile di Milano. Wetzel vuole mettere in evidenza l’approccio progettuale di Grcic, la finalità e il senso profondo della sua ricerca nell’ambito del furniture design e la lotta per le giuste decisioni con il cliente. È un viaggio nella gestazione dei prodotti: sono svelati i quesiti e le fasi progettuali, la ricerca nei materiali, le prove e i mock-up. Ma soprattutto la costante tensione di Grcic verso qualcosa di innovativo e sensato. Questi passaggi sono definiti nel film attraverso casi studio specifici come la famosa Chair One e la recente linea di mobili in ghisa, entrambe prodotte da Magis con cui Konstantin Grcic collabora da circa quindici anni. Conversazioni con Eugenio Perazza, presidente dell’azienda, sono riprese per mostrare l’importanza dello scambio reciproco di informazioni e competenze. E anche la scelta da parte di Grcic di clienti dalla forte personalità e con precise istanze.

La telecamera di Wetzel riprende il volto del designer con inquadrature vicine, ma senza apparire invasiva. Coinvolge direttamente gli spettatori come fossero presenti ai momenti di vita quotidiana. Stralci di conversazioni, tagli di interviste e pensieri a voce alta del designer costituiscono la voce narrante del documentario, suddiviso in capitoli. In questo modo Wetzel fa emergere la personalità forte e coinvolgente del protagonista, le sue idee di essenzialità e comfort e di rispetto del contesto e delle persone. È un documentario che descrive in modo chiaro anche i tratti contemporanei del design industriale di Grcic che ha progettato per importanti aziende internazionali (Vitra, Magis, Iittalla, Krups, Lamy, Muji, Hugo Boss, Rado, Audi tra gli altri). È uno stralcio anche sull’essenza dei suoi oggetti divenuti icona, o destinati a diventarlo, pensati non per proiettarsi nel futuro ma per vivere meglio il presente.

News
Giulio Cappellini alla guida di Icone Luce
News
Come ridurre lo stress del 70 per cento
You may also like
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano
A Eindhoven il primo Bosco Verticale in edilizia sociale

A Eindhoven il primo Bosco Verticale in edilizia sociale

Una nuova architettura sostenibile a firma dello studio di progettazione guidato da Stefano Boeri. 19 piani appartamenti con affitto calmierato
Pannelli fonoassorbenti che arredano

Pannelli fonoassorbenti che arredano

A parete, a pavimento oppure a sospensione, ecco la collezione disegnata dallo studio di base a Valencia PerezOchando per il marchio spagnolo Missana