Da sinistra: Aldo Buscalferri, Creative director presso Les Éditions Jealou e art director de L'Optimum, il fotografo Ramak Fazel, il Direttore Michele Lupi, Piero Negri Scaglione, responsabile redazione spettacoli de La Stampa - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti dell'incontro ospitato presso la Fondazione Riccardo Catella, dal titolo Magazine a confronto. La fotografia, le riviste, i giornali: cosa è cambiato, cosa cambierà. - Credits: Ph. Silvia Morara
Da sinistra, il Direttore Michele Lupi, Piero Negri Scaglione, responsabile redazione spettacoli de La Stampa, il fotografo Ramak Fazel, Aldo Buscalferri, Creative director presso Les Éditions Jealou e art director de L'Optimum - Credits: Ph. Silvia Morara
Il Direttore Michele Lupi - Credits: Ph. Silvia Morara
A sinistra, il fotografo Ramak Fazel, a destra, Aldo Buscalferri, Creative director presso Les Éditions Jealou e art director de L'Optimum - Credits: Ph. Silvia Morara
Da sinistra, il Direttore Michele Lupi, Piero Negri Scaglione, responsabile redazione spettacoli de La Stampa, il fotografo Ramak Fazel, Aldo Buscalferri, Creative director presso Les Éditions Jealou e art director de L'Optimum - Credits: Ph. Silvia Morara
Da sinistra, il Direttore Michele Lupi, Piero Negri Scaglione, responsabile redazione spettacoli de La Stampa, il fotografo Ramak Fazel, Aldo Buscalferri, Creative director presso Les Éditions Jealou e art director de L'Optimum - Credits: Ph. Silvia Morara
I relatori seduti sulle poltroncine Chateau d'Ax, sponsor della rassegna - Credits: Ph. Silvia Morara
Il fotografo Ramak Fazel insieme al Direttore Michele Lupi - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti dell'incontro ospitato presso la Fondazione Riccardo Catella, dal titolo Magazine a confronto. La fotografia, le riviste, i giornali: cosa è cambiato, cosa cambierà. - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti dell'incontro ospitato presso la Fondazione Riccardo Catella, dal titolo Magazine a confronto. La fotografia, le riviste, i giornali: cosa è cambiato, cosa cambierà. - Credits: Ph. Silvia Morara
Gli ospiti dell'incontro ospitato presso la Fondazione Riccardo Catella, dal titolo Magazine a confronto. La fotografia, le riviste, i giornali: cosa è cambiato, cosa cambierà. - Credits: Ph. Silvia Morara
News

Milano Photo Week: magazine a confronto

Domenica 11 giugno si è conclusa la prima edizione di Milano Photo Week con l’incontro promosso da Icon e Icon Design intitolato Magazine a confronto. La fotografia, le riviste, i giornali: cosa è cambiato, cosa cambierà.

Un confronto a più voci ospitato presso la Fondazione Riccardo Catella e orchestrato dal Direttore Michele Lupi insieme ad Aldo Buscalferri, Creative director presso Les Éditions Jealou e art director de L'Optimum, Paris, Fr., Piero Negri Scaglione, responsabile redazione spettacoli de La Stampa, Torino, e Ramak Fazel, fotografo di base a Los Angeles. 

Nel corso della serata si è parlato di fotografia a tutto tondo: il dibattito ha abbracciato temi come la democratizzazione delle immagini al tempo di internet e la dicotomia analogico-digitale, ma anche editoria indipendente e social network. «Con l’avvento del digitale il numero dei fotografi è aumentato esponenzialmente. E questa non è necessariamente una cosa negativa: il livello richiesto è sempre più alto», spiega Ramak Fazel. «Ho scelto di lavorare in analogico perché mi permette di avere una certa consistenza e lavorare con sistema. Rende possibile una triangolazione tra me, il soggetto e la macchina fotografica. Lavorare a pellicola comporta una ritualità e un approccio completamente diverso rispetto al digitale, fatto di pause, riflessioni e confronto».  

A proposito di editoria, Aldo Buscalferri racconta: «I magazine sono cambiati su tutti i livelli, così come i compensi per le produzioni. Io ad esempio passo molto tempo a definire i budget per la realizzazione dei servizi fotografici. Noto anche che c’è una grande attenzione rispetto alle nuove generazioni di fotografi. Quest’ultima è accompagnata da una forte richiesta da parte dei grandi marchi, soprattutto nel campo della moda e della cosmetica, per la realizzazione di immagini ben prodotte e in tempi brevi destinate a una fruizione legata ai social network. In questo senso credo che lo scenario dei fotografi superstar andrà via via scomparendo».  

«Il bello di lavorare a un giornale è poter raccontare storie inedite. Se online gli spazi sono infiniti, i magazine cartacei hanno delle linee guida ben definite. In fase di realizzazione questo comporta scelte radicali, dettate dalla propria cultura e sensibilità», aggiunge il Direttore Michele Lupi. «Lavorare a un quotidiano è completamente diverso rispetto all'online, dove la soglia di attenzione del lettore è piuttosto bassa. Inoltre c’è un altro tema di particolare rilevanza nell’ambito dei quotidiani e della fotografia, quello della cultura visiva. Andrebbe parecchio innalzata», conclude Piero Negri Scaglione.

Products
Smart work
News
Una mostra sull'abitare
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne
Luigi Ghirri. Il paesaggio dell

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura

La Triennale di Milano omaggia il celebre fotografo emiliano mettendo in luce l'importanza della sua opera nell'ambito dell'architettura. Dal 25 maggio al 26 agosto
La seconda edizione di Milano Arch Week

La seconda edizione di Milano Arch Week

Una settimana di dibattiti, incontri, eventi e mostre sul futuro delle città. Da mercoledì 23 a domenica 27 maggio, ecco il programma
Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Si trova al 160 di Madison Avenue, nel cuore del NoMad Design District, ed è il primo al mondo a riunire i tre brand del Gruppo: Molteni&C, Dada, e UniFor