Credits: Moss Architecture
Credits: Moss Architecture
Credits: Moss Architecture
Genius Loci - Moss Architecture. Scatti di Stane Street montati all’interno di simil camere oscure - Credits: Moss Architecture
Stane Street - Kennington Park - Credits: Moss Architecture
Stane Street - Leatherhead - Credits: Moss Architecture
Stane Street - M25 - Credits: Moss Architecture
Stane Street - Chichester - Credits: Moss Architecture
Stane Stree - Box Hill Vineyard - Credits: Moss Architecture
News

Il Genius Loci e l’identità di una strada

Milano Design Film Festival

Stane Street è un’antica strada romana che dall’area londinese di London Bridge, nel distretto di Bankside, porta a Chichester, una cittadina nella costa sud dell’Inghilterra.

In questa zona ha sede lo studio Moss Architecture che ha deciso di renderle un tributo e svelare alla comunità locale le sue tracce. Bankside è oggi un quartiere in rapida trasformazione, in cui si sono trasferiti svariati studi di creativi e in cui grandi arterie del traffico si sovrappongono ad aree ancora inurbanizzate, piccoli vicoli e piazze. È come un villaggio in una grande metropoli.

Per celebrare questo luogo e la sua evoluzione nel tempo, Moss Architecture ha realizzato una mostra site specific, in cui fotografie montate all’interno di una sorta di camera oscura e un video mettono in evidenza la diversità morfologica della strada, la sua storia e ricchezza. Ancora attiva, Stane Street dai campi di Chichester attraversa vigneti, la cittadina di Leatherhead e il parco di Kennington nel distretto di Lambeth. È evoluta nel tempo divenendo parte integrante del sistema viario dell’area del London Bridge.

L’utilizzo sociale e le relazioni commerciali sono quindi alla base dello sviluppo, peculiare e irripetibile, del luogo. È appunto il Genius Loci. Moss Architecture ha percorso gli oltre 95 km (60 miglia) di strada registrando suoni, scattando fotografie e filmando video in precisi punti di stazionamento. Si tratta dunque di un lavoro “archivistico” e documentaristico in cui alle immagini e i suoni reali, quasi senza montaggio, è affidata la testimonianza dell’essenza del luogo.

Il video è infatti un collage di filmati lungo la strada che catturano la variazione del tessuto, della densità e dell’utilizzo: dalla campagna, alla strada ad alta percorrenza, alla piazza con il pub e le persone in sosta. Le fotografie, infine, sono montate all’interno di scatole di legno compensato dotate di lenti circolari a “occhio di pesce”, che consentono alla luce naturale di entrare e di distorcere l’immagine bidimensionale con un effetto tridimensionale.

Places
InBox Capsule Hotel: design e comfort a San Pietroburgo
Products
IKEA lancia due collezioni in edizione limitata
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne