Gio Ponti, cassettiera e specchiera - Credits: La Permanente Mobili
Gio Ponti, arredi anni Venti prodoti dalla bottega Paolo Lietti e Figli - Credits: La Permanente Mobili
Gio Ponti, 1958 - Seconda Selettiva - Credits: La Permanente Mobili
Gio Ponti, tavolo da pranzo - Credits: La Permanente Mobili
Libreria fine anni Quaranta, produzione canturina Simun - Credits: La Permanente Mobili
News

Gio Ponti e Cantù

Arredi, documenti, fotografie e riviste d’epoca. La mostra Gio Ponti e Cantù. 1923-1973, allestita presso La Permanente Mobili, è un omaggio al lavoro di Gio Ponti e non solo.

Dal 30 settembre al 22 ottobre, con la curatela di Tiziano Casartelli, l’esposizione esplora il rapporto di collaborazione tra designer di primo piano come Gio Ponti, Franco Albini, Tomaso Buzzi, Michele Marelli, Emilio Lancia, Paolo Buffa e Luigi Daneri con alcune delle importanti aziende canturine, dagli anni Venti al secondo dopoguerra.

Non solo, la mostra si concentra in particolare sul ruolo svolto da Ponti tra il 1954 e il 1959 nella nascita e nell’affermazione della Selettiva del Mobile. Tra gli altri, sono esposti l’armadio di Gio Ponti presentato alla Selettiva del 1957 e una cassettiera progettata nel 1959, ricostruiti per l’occasione da tre aziende canturine, così come il divano di Franco Albini presentato nel 1930 alla IV Triennale e la toilette di Paolo Buffa presentata nel 1927 alla Terza Biennale di Monza.

Ad accompagnare l'esposizione è la pubblicazione del volume omonimo Gio Ponti e Cantù. 1923-1973, a cura di Tiziano Casartelli per Edizioni Cantorium.

Places
MUT, un nuovo spazio per l’arte contemporanea
Places
China National GeneBank: l’Arca che ci metterà in salvo
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano