'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
'Together! The New Architecture of the Collective', 2017 - Veduta dell'installazione, Vitra Design Museum - Credits: Ph. Mark Niedermann
News

Una mostra sull’abitare

Il tema degli spazi abitabili è protagonista della nuova mostra al Vitra Design Museum di Weil am Rhein intitolata Together! The New Architecture of the Collective, con la curatela di Ilka e Andreas Ruby, Daniel Niggli e Mathias Müllerindaga.

Un tema di estrema attualità, oggi più che mai visto che lo spazio abitabile è una risorsa scarsa e mentre i prezzi degli immobili nelle grandi città sono in continuo aumento, i concetti tradizionali di costruzione degli appartamenti non sono più in grado di soddisfare il fabbisogno.

Con l’aiuto di modelli, filmati e appartamenti in scala 1:1, la mostra presenta fino al prossimo 10 settembre esempi europei, asiatici e statunitensi, ma anche storici precursori dell’architettura comunitaria: dalle idee di riforma del XIX secolo alla scena hippy e all’occupazione delle case, ispirata dal motto «Make love, not lofts».

L’esposizione comincia con una carrellata degli ideali abitativi ad ispirazione sociale, nati in primo luogo da una protesta contro i rapporti di forza esistenti. Tra gli esempi illustrati ci sono il falansterio di Charles Fourier (1772–1837), la colonia Monte Verità, nata in Ticino alla fine del XIX secolo, le cooperative di alloggi degli anni ‘20, ma anche la Città Libera di Christiania di Copenaghen o la cooperativa Karthago di Zurigo. In mostra sono presenti 21 modelli di grande formato di edifici residenziali comunitari, dove la separazione netta lascia spazio a una concezione dove la sfera pubblica e privata collidono e si amalgamano sempre di più e in modi inediti.

News
Milano Photo Week: magazine a confronto
Storytelling
Massimiliano Locatelli: con lo sguardo all’ingiù
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne