Veduta della mostra “Ok, you are better than me, so what?”, Galerie Perrotin, New York, 2013 - Credits: Ph. Guillaume Ziccarelli - Courtesy Galerie Perrotin
“Look at me!”, 2016 - Credits: Courtesy Galerie Perrotin
“Yee-Haw”, 2015 - Credits: Ph. Hugo Glendinning - Courtesy Galerie Perrotin
“Untitled (zebras)”, 2003 - Credits: Ph. Austin Kennedy / Paper Scenery - Courtesy: l'artista - Galerie Perrotin & Friends of the High Line
“Untitled (zebras)”, 2003 - Credits: Ph. Austin Kennedy / Paper Scenery - Courtesy: l'artista - Galerie Perrotin & Friends of the High Line
“One cup of cappuccino then I go”, 2007 - Credits: Ph. Hugo Glendinning - Courtesy Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
Ma'am, veduta dell'installazione, Dallas Contemporary, Dallas, USA - Credits: Ph. Kevin Todora - Courtesy Massimo De Carlo, Milan/London/Hong Kong and Galerie Perrotin
News

Paola Pivi in mostra alla Rinascente di Milano

Dal 29 marzo al 9 aprile le otto vetrine della Rinascente affacciate su piazza Duomo si trasformano in un invito a entrare nell’universo di Paola Pivi, surreale e governato dalle leggi dell’assurdo: «Un sogno ad occhi aperti, dove tutto è possibile».

L’artista milanese, in occasione di Miart, della Art Week, e del Salone Internazionale del Mobile, presenta I am tired of eating fish, progetto site-specific dove arte e design si incontrano fino a collidere. Un’opera radicale che mette in scena negli storici spazi dello store meneghino una dimensione straniante in bilico tra realtà e allucinazione, raccontando storie remote e realtà (quasi) quotidiane.

Con questo progetto vibrante Paola Pivi si aggiunge alla lunga lista di artisti e designer del panorama internazionale coinvolti dalla Rinascente, tra cui John Armleder, Hella Jongerius, Martino Gamper e Olafur Eliasson.

Places
Cantina Les Crêtes, un rifugio per amanti del vino
Places
Una palafitta in alta quota, in Canada
You may also like
Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Gli organizzatori fanno sapere che l’edizione 2018 non si terrà, ma in compenso ci sarà un’altra novità
Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Artigianalità made in Italy e design giapponese: la storica azienda fondata nel 1921 rinnova il sodalizio con l’architetto giapponese
Nendo ripensa la zip per YKK

Nendo ripensa la zip per YKK

La pratica chiusura che sostituisce i bottoni declinata in cinque nuovi design per YKK, la società giapponese che la produce dal 1934
Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Pietra grezza, legno di abete povero e cemento a vista sono i materiali protagonisti di questa villa isolata che, dalle colline liguri, si affaccia su un paesaggio marino mozzafiato
Una sauna galleggiante, in Svezia

Una sauna galleggiante, in Svezia

A firmarla è lo studio di progettazione milanese Small Architecture Workshop. Siamo ad Åmot, circa tre ore a nord di Stoccolma, nel cuore della foresta svedese
I vincitori della Targa Bonetto 2017

I vincitori della Targa Bonetto 2017

Ecco come è andata la 22esima edizione del concorso che premia i migliori designer in erba