Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017, Kunsthalle, Vienna
Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017, Kunsthalle, Vienna
Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017, Kunsthalle, Vienna
Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017, Kunsthalle, Vienna
Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017, Kunsthalle, Vienna
Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017, Kunsthalle, Vienna
News

Qual è il ruolo dell’editoria d’arte?


Qual è il ruolo dell’editoria d’arte? In che modo gli artisti hanno trasformato la pubblicazione in uno strumento utile per la loro pratica? E come è cambiata la nozione di editoria d’artista, considerando il numero sempre crescente di fiere dedicate e collezioni legate ai musei d’arte contemporanea? È a partire da questi quesiti che nasce la mostra Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017, in scena fino al 28 gennaio 2018 a Vienna presso la Kunsthalle.

L’esposizione, curata da Luca Lopinto con il graphic design di Rio Grande e Dallas, esplora le potenzialità dell’editoria, che siano libri, magazine, interventi artistici e siti web, come medium e contesto per diffondere informazioni e conoscenza ma anche per produrre arte.

Se da una parte gli anni Sessanta e Settanta hanno rappresentato un periodo fertile per l’editoria, dall’altra sono già stati ampiamente dibattuti in precedenza. Ed è per questo che il percorso espositivo si concentra sulle produzioni che vanno dal 1989 a oggi, dove il 1989 rappresenta una data simbolica del passaggio dall'analogico al digitale. Una data significativa dal punto di vista politico, che contrassegna la caduta del muro di Berlino, e allo stesso tempo dal punto di vista sociale: indica la nascita del World Wide Web.

La mostra ha un approccio dichiaratamente non enciclopedico ed è articolata in undici sezioni. Artists’ Library, una selezione di libri curata da artisti; Artist Run Magazines. The Magazine as Medium, una carrellata di riviste pubblicate dal 1989 al 2017; The Message as Medium, una serie di interventi d’artista pubblicati su periodici e quotidiani, in collaborazione con Christoph Schifferli. E ancora, la sezione Autoretrospective, dedicata ai progetti editoriali dell’artista francese Philippe Thomas.

The Bookshop as Medium presenta una selezione di libri d’artista pubblicati dalla fine degli anni Ottanta a oggi, a cura di Gregorio Magnani e Motto Books. In Between. The Library as Medium si sviluppa nell’ex studio di Franz West, dove un gruppo di artisti è stato invitato a scegliere un volume dalla libreria di West e a realizzare un’opera che diventa un inserto del libro stesso.

Expanded Publishing prende in esame quei progetti in equilibrio tra stampa cartacea e digitale, lontani dai modelli tradizionali di pubblicazione e distribuzione; Post-Digital Publishing Archive, una selezione di progetti editoriali concepiti e sviluppati da Silvio Lorusso; Design as Medium, una raccolta dei migliori interventi grafici di Åbäke, Manuel Raeder e Boy Vereecken.

Infine, The Artist and the Publishers, una tavola rotonda con Jonathan Monk, Christophe Boutin, Christophe Daviet e Michèle Didier; Magazines as Publishers, una tavola rotonda con Afterall, Archive, Mousse, NERO e OEI. A queste si affianca il ciclo di incontri dal titolo Talk ospitati nel contesto della mostra.

News
Le mostre fotografiche di dicembre
Products
Liaisons solitaires: divani di design da scoprire
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano