Christoph Niemann, »Robot Morph, 2016 - Credits: Christoph Niemann
Joris Laarman per MX3D, Bridge Project, 2015 - Credits: Joris Laarman Lab
Elytra Filament Pavilion, veduta dell'installazione, Victoria & Albert Museum, London - Credits: NAARO
Stephan Bogner, Philipp Schmitt und Jonas Voigt, Raising Robotic Natives, 2016 - Credits: Jonas Voigt
Shawn Maximo, Going Green«, 2016 - Credits: Shawn Maximo
Sander Burger, Alice Cares, 2015 - Credits: KeyDocs/Alice Cares
Dunne & Raby, Robot 4: Needy One, 2007 - Credits: Per Tingleff
ABB Ltd., YuMi®, dual-arm industrial robot«, 2015 - Credits: ABB Ltd.
TRNDlabs, SKEYE Nano 2 FPV Drone, 2015 - Credits: TRNDlabs
Yves Gellie, Human Version 2.07 Nexi, 2009 - Credits: Yves Gellie, Galerie du jour agnès b, Galerie Baudoin Lebon
Robotlab (ZKM), Manifest, 2008 - Credits: robotlab/ZKM
AKA, Musio K - Credits: AKA, LLC
Yonezawa, Directional Robot, 1957 - Credits: Andreas Sütterlin
Hajime Sorayama, Sony Corporation, AIBO Entertainment Robot (ERS-110), 1999 - Credits: Andreas Sütterlin
Vintage Toy Robots, 1956 – 1980 - Credits: Andreas Sütterlin
Vincent Fournier, Reem B #5 [Pal], Barcelona, Spain, 2010 - Credits: Vincent Fournier
Francis Bitonti Studio Inc., Molecule Shoe, 2015 - Credits: Francis Bitonti
News

La robotica in mostra al Vitra Design Museum

Parole come drone, sensore smart e industria 4.0 sono entrate da qualche tempo nel nostro vocabolario: il quotidiano è costantemente permeato dalla robotica. E in questo processo il design svolge un ruolo da protagonista, sono infatti i designer a dare una forma al rapporto che lega uomo e macchina. Una tematica di attualità che il Vitra Design Museum affronta con la mostra Hello, Robot. Design between Human and Machine, in scena dal prossimo 2 febbraio al 14 maggio a Weil am Rhein, in Germania.

Il percorso espositivo, realizzato in collaborazione con il Design Museum Gent e il MAK Vienna, presenta per la prima volta l'evoluzione di questa disciplina attraverso una selezione di oltre 200 pezzi che toccano la sfera del design e dell'arte, dai robot utilizzati a fini domestici fino quelli legati all'assistenza infermieristica, all’industria, ai videogame e alle installazioni multimediali.

La mostra è organizzata in quattro sezioni e ospita anche alcuni esempi di film e testi letterari a tema. La prima parte si concentra sul fascino esercitato dall’intelligenza artificiale nell’epoca moderna e sul rapporto tra cultura popolare e percezione dei robot; la seconda è dedicata all'industria e al mondo del lavoro, due ambiti dove l’innovazione robotica ha visto le sue prime applicazioni con successo; la terza sezione racconta invece il rapporto dell’uomo con la tecnologia intesa come risorsa quotidiana. E infine, l’ultima esamina i confini sempre più sfumati tra esseri umani e robot, passando in rassegna elettrodomestici che imparano, case e città del futuro, ma anche sensori intelligenti sottopelle.

I contributi sono tantissimi: Woody Allen, Jacques Tati, Björk, Daft Punk, Disney/Pixar Animation Studios, Höweler + Yoon Architecture, Carlo Ratti, Stanley Kubrick, George Lucas, Spike Jonze, Kraftwerk, solo per citarne alcuni.

Non è tutto: ad accompagnare la mostra una serie di tavole rotonde, proiezioni, performance e workshop che alimentano il dibattito sull'intelligenza artificiale.

Places
Hemmelig Rom: la casa-biblioteca di Studio Padron
News
La seconda edizione di Olivetti Design Contest
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne
Luigi Ghirri. Il paesaggio dell

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura

La Triennale di Milano omaggia il celebre fotografo emiliano mettendo in luce l'importanza della sua opera nell'ambito dell'architettura. Dal 25 maggio al 26 agosto
La seconda edizione di Milano Arch Week

La seconda edizione di Milano Arch Week

Una settimana di dibattiti, incontri, eventi e mostre sul futuro delle città. Da mercoledì 23 a domenica 27 maggio, ecco il programma
Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Si trova al 160 di Madison Avenue, nel cuore del NoMad Design District, ed è il primo al mondo a riunire i tre brand del Gruppo: Molteni&C, Dada, e UniFor