Ron Arad seduto su Big Heavy (1989), sullo sfondo Rietveld Chair (1990) e Little Heavy (1989) - Credits: Vitra Archive
Ron Arad, Big Easy (1988) - Credits: Ron Arad Associates
Ron Arad, Rover Chair (1981) - Credits: Ron Arad Associates - Ph. Howard Kingsnorth
Concrete Stereo (1983) - Credits: Ron Arad Associates
Ron Arad, Little Heavy (1989) - Credits: Vitra Design Museum - Ph. Jürgen HANS
Ron Arad, Tom Vac Chair (1997) - Credits: Vitra Design Museum - Ph. Jürgen HANS
Ron Arad, Well Tempered Chair (1986) - Credits: Vitra Design Museum - Ph. Jürgen HANS
Ron Arad, Rover Chair (1981) - Credits: Vitra Design Museum - Ph. Jürgen HANS
Ron Arad, Small Bookworm (1993) - Credits: Vitra Design Museum - Ph. Jürgen HANS
Compactor Sticks and Stones (1987) - Credits: Vitra Design Museum - Ph. Roland Engerisser
News

Ron Arad in mostra al Vitra Design Museum

Fino al 14 ottobre gli spazi del Vitra Schaudepot ospitano la monografica Yes to the Uncommon! dedicata al designer e artista israeliano Ron Arad.

Nato a Tel Aviv, classe 1951, Ron Arad ha studiato all’accademia internazionale d’arte di Gerusalemme e alla Architectural Association a Londra. Il suo più primo progetto di design lo ha realizzato nel 1981: Rover Chair, una poltrona realizzata a partire da un sedile di una vecchia Rover 90 recuperato da uno sfasciacarrozze.

L’esposizione in scena a Weil am Rhein passa in rassegna alcune delle opere più creative di Arad, tra le altre Tinker Chair, realizzata nel 1988 da una lamiera d'acciaio saldata e martellata, che insieme a Big Easy, sempre del 1988, e a Little Heavy, del 1989, va a comporre la serie Volumes. Non manca poi la Well Tempered Chair, in lamiera d'acciaio piegata, e lo scaffale Bookworm, uno dei pezzi più celebri di Ron Arad, originariamente realizzato in acciaio temperato e successivamente commercializzato in una versione in PVC prodotta da Kartell.

In mostra c’è anche Sticks and Stones Machine, una particolare macchina progettata che ingurgita sedie e altri oggetti per poi espellerli sotto forma di cubi pressati: una frecciata alla cultura del consumo e al ruolo del designer. Recentemente restaurata, viene per l’occasione rimessa in funzione dopo un lungo periodo di inattività.

News
La lectio magistralis di Mario Nanni a Bari
Products
Una tiny house a basso impatto ambientale

You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Get back in shape

Get back in shape

Tra moda e design, il servizio fotografico di Moos-Tang, Chiara Spennato ed Elisa Musso per Icon Design
Instax Square SQ6, la nuova fotocamera istantanea di Fujifilm

Instax Square SQ6, la nuova fotocamera istantanea di Fujifilm

Dal design semplice e lineare, è concepita per gli amanti del formato quadrato. In tre colorazioni: pearl white, blush gold e graphite gray
I vincitori del Compasso d’Oro 2018

I vincitori del Compasso d’Oro 2018

Dall'Alfa Romeo Giulia alla famiglia di lampade Discovery di Artemide, passando per la Fondazione Prada. Tutti i progetti vincitori del più antico e autorevole premio di design
Il (primo) libro illustrato sul design firmato Nendo

Il (primo) libro illustrato sul design firmato Nendo

Un progetto editoriale che mette in luce l’applicazione del pensiero creativo alla risoluzione dei piccoli problemi quotidiani
A Palermo è in scena Manifesta, Biennale nomade di arte e cultura

A Palermo è in scena Manifesta, Biennale nomade di arte e cultura

Il capoluogo siciliano ospita la rassegna che affronta temi sensibili come l’immigrazione e la relazioni interculturali. Fino al prossimo 4 novembre