Guido Scarabattolo - Cose che non vedo
Italo Lupi - Poster Vespa
Leonardo Sonnoli -Never&Now
Leonardo Sonnoli - When i’ve nothing to say i write it in bold
Alizarina - Poster “Originali multipli”
Pietro Corraini - Abstract forecast/Un sedicesimo
Mauro Bubbico – Poster “Festa patronale di San Michele”
Mauro Bubbico - Poster “Pasolini a Matera”
Armando Milani –Poster “War-Peace”
Leftloft- Brand Subito.it
Ginette Caron – Padiglione Santa Sede – Expo Milano 2015
Giuseppe Mastromatteo - Poster Triennale Bovina
News

La grafica italiana in mostra a Milano

Dal 9 novembre fino al 20 dicembre, l’ex spazio Ansaldo
 di via Bergognone 34 a Milano ospita la mostra SIGNS. Grafica italiana contemporanea, curata da Francesco Dondina e prodotta da h+ con BASE Milano.

È un’iniziativa pensata per offrire panoramica sullo stato della grafica e del design della comunicazione italiana, che si concretizza attraverso il coinvolgimento di 24 autori italiani, dai nomi più autorevoli fino ad arrivare alle giovani leve, ognuno con il proprio mondo e la propria storia, diversi tra loro per formazione, età, cultura e linguaggi.

La mostra affronta il tema del progetto in modo trasversale, senza limitare i contenuti espositivi ad ambiti o a temi specifici, ma abbraccia tutti i settori progettuali, dal graphic design italiano contemporaneo, dalla corporate identity all’editoria, dall’exhibition design all’advertising e al packaging, fino ad arrivare al web design.

«Nelle nostre città, nelle case, negli uffici, nei negozi, negli oggetti di uso quotidiano e nelle diverse modalità di comunicazione che utilizziamo, la grafica è dappertutto. E, per questo, ha un ruolo non solo funzionale ma addirittura strutturale nel condizionare i nostri comportamenti, le abitudini, le scelte e la realtà stessa in cui viviamo», spiega Francesco Dondina.

Nello spazio espositivo sarà presentata una selezione di opere di Alizarina, Stefano Asili, Mauro Bubbico, Ginette Caron, Cristina Chiappini, Gianluigi Colin, Pietro Corraini, Artemio Croatto/Designwork, Studio FM, Michele Galluzzo, Italo Lupi, Gianni Latino, Leftloft, Giuseppe Mastromatteo, Armando Milani, Maurizio Milani, Òbelo, Origoni Steiner, Federico Pepe, Mario Piazza, Massimo Pitis, Luca Pitoni, Guido Scarabottolo, Leonardo Sonnoli.

SIGNS non si esaurisce esclusivamente nel percorso espositivo, ma presenta anche un programma di appuntamenti che comprende workshop sul graphic design e un ciclo di incontri con i progettisti in mostra, invitati a dialogare sui temi del design della comunicazione.

La mostra è dedicata a Giancarlo Iliprandi, maestro grafico recentemente scomparso.

Storytelling
Comprare design online: i 10 migliori siti per farlo
Products
I divani più belli del 2016
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne