Giacomo Balla, Specchio d’acqua, 1969, tappeto eseguito dall’Atelier d’Arte Tessile Elio Palmisano - Credits: Galleria Moshe Tabibnia, Milano
Afro Basaldella, La scala d’oro, 1975, arazzo eseguito dall’Arazzeria Pennese - Credits: Fondazione Archivio Afro, Roma
Giacomo Balla, Linee-forza di mare, 1971-1975, arazzo eseguito dall’Arazzeria Pennese - Credits: Galleria Moshe Tabibnia, Milano
Nathalie Du Pasquier, Riviera, 1984, tappeto eseguito dall’Atelier d’Arte Tessile Elio Palmisano - Credits: Galleria Moshe Tabibnia, Milano
Ettore Sottsass, Tappeto per Max, 1989, tappeto eseguito dall’Atelier d’Arte Tessile Elio Palmisano - Credits: Galleria Moshe Tabibnia, Milano
Gillo Dorfles, Giardino, 1978, tappeto eseguito dall’Atelier d’Arte Tessile Elio Palmisano - Credits: Matteo Zarbo, Milano
Afro Basaldella, Senza titolo, 1968, arazzo eseguito dall’Arazzeria Pennese - Credits: Gino Di Paolo
Gianni Dova, Composizione, 1957, arazzo eseguito dall’Arazzeria di Esino Lario - Credits: Galleria Moshe Tabibnia, Milano
Fortunato Depero, Guerrieri, 1923, tarsia in panni - Credits: Giorgio Pedrotti
Vittorio Zecchin, Guerrieri, 1916 circa, arazzo ricamato - Credits: Archivio iconografico Fondazione Il Vittoriale degli Italiani
News

Arazzi e tappeti d’artista alla Triennale

Dai Futuristi italiani a Remo Salvadori, da Giacomo Balla a Lucio Fontana, da Mario Sironi a Renato Guttuso, da Fortunato Depero a Ugo Nespolo, da Ettore Sottsass a Gillo Dorfles. Dal 12 settembre all’8 ottobre, La Triennale riunisce oltre 100 opere tessili, tra arazzi e tappeti, realizzate da grandi artisti e da aziende italiane che mirano a far rivivere visivamente il fermento creativo, che ha pervaso l’arte tessile italiana nel corso del Novecento. 


Il percorso espositivo, intitolato Intrecci del Novecento, è realizzato dalla Galleria Moshe Tabibnia, con la curatela di Moshe Tabibnia e Virginia Giuliano, in collaborazione con la Triennale di Milano, con i patrocini del Comune di Milano e del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Punto di  partenza è l’importanza svolta dal Futurismo nel “rilancio” dell’arte tessile italiana nei primi anni del Novecento, per poi toccare gli eventi fondamentali che in Italia, a partire soprattutto dal secondo dopoguerra, hanno destato negli artisti l’interesse verso questa forma d’arte: come, ad esempio, la nascita di importanti manifatture tessili, le Triennali milanesi, la commissione degli arazzi per i grandi transatlantici, gli stimoli provenienti dalle Biennales de la Tapisserie di Losanna e dalla nascente Fiber Art.

News
Il nuovo showroom Marazzi a Parigi
Products
La torcia di carta firmata Nendo
You may also like
La caldaia si trasforma in uno specchio

La caldaia si trasforma in uno specchio

Una caldaia che unisce funzionalità ed estetica, diventando vero e proprio elemento d’arredo. Ecco Osa di Unical
Albert Clock, l’orologio che insegna la matematica

Albert Clock, l’orologio che insegna la matematica

Tra addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni, leggere l’ora esatta diventa un gioco adatto per adulti e bambini. Per mantenere la mente allenata
A bordo di Eilean con Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai

A bordo di Eilean con Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai

Per scoprire come i suoi grandi amori, il lavoro e il mare, si sono congiunti dando vita alla celebre regata riservata alle vele d’epoca.
Una sala da pranzo in alta quota

Una sala da pranzo in alta quota

A Roma Frigo 2000 allestisce uno spazio speciale che fa da cucina, sala da pranzo e location per eventi. Il tutto sollevato da una gru, a 30 metri di altezza
Un rifugio appollaiato tra le White Mountains, negli States

Un rifugio appollaiato tra le White Mountains, negli States

Un’architettura in simbiosi con la topografia del luogo, con una vista a 360° gradi sulle vette che dominano il panorama
Spazio, Forma, Luce

Spazio, Forma, Luce

Divani, sedie, tavoli, cassettiere, lampade e tappeti. Nel servizio fotografico di Jeremias Morandell e Cameranesi & Pompili