Aino Marsio‐Aalto e Alvar Aalto nello showroom Artek‐Pascoe di New York, 1940 - Credits: Aalto Family Collection
Alvar Aalto. Chair (model 34) - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Stacking tools (model 60), Birch - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Screen (model 100). Birch. Aino Marsio-Aalto. Tea trolley (model 98). - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Ceiling lamp (model A22) - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Chair (model 54) - Credits: Bruce White
Aino Marsio-Aalto - Sedia, ca. 1938 - Credits: Bruce White
Alvar Aalto - Sedia da giardino, ca. 1938-39 - Credits: Bruce White
Aino Marsio-Aalto. Tea trolley (model 98) - Credits: Bruce White
Alvar Aalto. Armchair (model 37), “Tank.” - Credits: Bruce White
La vetrina dello store Artek di Helsinki, 1939 - Credits: Artek collection, Alvar Aalto Museum
Una serie di complementi Artek esposti nel Padiglione finlandese durante l'Esposizione Universale di Parigi, 1937 - Credits: Alvar Aalto Museum
Artek store di Helsinki, 1939 - Credits: Saurén, Artek collection, Alvar Aalto Museum
Una serie di complementi Artek esposti nel Padiglione finlandese durante l'Esposizione Universale di Parigi, 1937 - Credits: Henry Sarian, Alvar Aalto Museum
Aino Marsio‐Aalto, ca. 1945 - Credits: Aalto Family Collection
NYC Design

A New York una mostra celebra l’universo di Artek

Alessandro Mitola

Per la prima volta negli Stati Uniti, la Bard Graduate Center di New York ospita un percorso espositivo dedicato a una delle coppie più prolifiche del panorama del design e dell’architettura, Alvar e Aino Aalto.

Fino al prossimo 25 settembre, Artek and the Aaltos: Creating a Modern World rende omaggio al duo finlandese che nel 1935 fondò Artek, una tra le aziende più longeve e significative della storia del design.

Con circa 200 opere, alcune delle quali mai mostrate prima, la mostra mette a fuoco il ruolo di Artek nella diffusione del modernismo nel mondo dell'arte, dell'architettura, dell'arredamento di interni e nel design.

Tutto questo grazie alla collaborazione tra la Alvar Aalto Foundation di Helsinki e il gruppo curatoriale composto da Nina Stritzler-Levine e Juhani Pallasmaa, che per la prima volta ha pensato a un percorso articolato tra progetti architettonici, disegni e bozzetti di interni e arredi, dipinti, fotografie, mobili, oggetti in vetro, illuminazione e tessili.

La mostra è inoltre affiancata da un catalogo di prestigio distribuito dalla Yale University Press e curato da Nina Stritzler-Levine: si tratta del primo libro in lingua inglese che analizza in profondità il lavoro svolto dal duo finlandese.

News
Il Bauhaus attraverso la lente di Lucia Moholy
News
Apre il nuovo SFMOMA - San Francisco Museum of Modern Art
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne