Places

Una gelateria di design, a Milano

Si trova nel quartiere Maggiolina, nella zona nord della città. Il progetto nasce dal sodalizio tra studio di wok, che ha curato l'intervento di ristrutturazione, e lo studio di comunicazione Atto

Blox: spazi flessibili by OMA a Copenhagen

Nel porto della capitale danese, il nuovo edificio flessibile progettato da OMA, che tra le altre cose ospita anche il DAC - Centro Danese di Architettura
Viaggio nel quartier generale della divisione velivoli di Leonardo

Viaggio nel quartier generale della divisione velivoli di Leonardo

Alle porte di Torino si trova la camera anecoica più grande d’Europa, che annienta qualsiasi interferenza. È il luogo più silenzioso del mondo
Common Party: la sede del Partito comunista francese

Common Party: la sede del Partito comunista francese

Progettata da Oscar Niemeyer e terminata nel 1971, è una struttura elegante, rigorosa e dinamica, basata sulla linea curva e sul contrasto materico
Se la pittura si trasforma in architettura: Austin di Ellsworth Kelly

Se la pittura si trasforma in architettura: Austin di Ellsworth Kelly

Realizzata postuma, Austin è la più grande opera mai progettata dal grande artista americano Ellsworth Kelly, tra i maggiori esponenti dell'Espressionismo Astratto

Quando la casa diventa co-dividuale: la Shared House

Abbiamo fatto un salto negli spazi della Shared House di via Ventura 3 a Milano. Un esempio di come dovrebbe essere la casa di oggi: un luogo aperto al mondo e all'altro, in cui condividere progetti, esperienze e sogni

Play Park: Osteria ai Pioppi

Un bosco. Un’osteria. E un sogno, costruito a mano a partire dal 1969 da Bruno Ferrin a Nervesa della Battaglia, nei dintorni di Treviso: un parco giochi con oltre quaranta giostre. Aperto a tutti

A Palermo con Raffaella Guidobono

Tra ristoranti, librerie, musei e palazzi storici: la co-fondatrice dello studio di design Leftover ci porta alla scoperta dei suoi luoghi preferiti
Lo studio di Lino Tagliapietra a Seattle

Lo studio di Lino Tagliapietra a Seattle

Ha fatto conoscere la tradizione vetraria muranese in tutto il mondo, dagli Stati Uniti all'Australia fino alla Cina e al Giappone. Nato nel 1934 a Murano, Lino Tagliapietra è uno degli interpreti più visionari dell'arte del vetro. Un approccio progettuale, il suo, che ha sempre travalicato i confini di artigianato, design e arte per fonderli in un linguaggio espressivo personale e spontaneo. Talmente spontaneo da lasciare che tutto accadesse direttamente davanti alla fornace, là dove il soffio del vetro determina forme, trame e colori.

Dopo un periodo di apprendistato dal grande maestro Archimede Seguso, collaborò con le più grandi aziende vetrarie italiane come Vetreria Galliano Ferro, Venini & C., La Murrina, Effetre International. Fa strano pensare che la sua prima personale si tenne soltanto nel 1990 non a Venezia, come verrebbe naturale pensare, bensì a Seattle. La sua città natale gli dedicò una retrospettiva più di vent'anni dopo, nel 2011, con Lino Tagliapietra, da Murano a Studio Glass all'Istituto di Scienze, Lettere e Arti. A farlo avvicinare agli Stati Uniti fu il suo grande amico e collega Dale Chihuly, scultore del vetro, conosciuto nel 1968. Da allora, Lino iniziò a girare il mondo, fino a stabilirsi a Seattle nel 1979.

Proprio qui, nel quartiere di Belltown, ha fondato il suo studio-galleria, recentemente ridisegnato dalla Graham Baba Architects. Nello storico edificio del 1917 in mattoni rossi, un tempo casa d'aste, è stato creato uno spazio arioso dominato dai colori freddi – a partire dal bianco del pavimento in rovere – per creare contrasto con l'universo colorato delle opere di Tagliapietra. Su di loro, domina un monitor luminoso a cui è stata appesa un'Installazione Volante composta da piccole gondole e uccelli (quelli che volano su Murano). Un omaggio alla sua Venezia e all'intreccio di tradizione e inventiva che caratterizza l'arte vetraria di Murano. Gli spazi accolgono anche alcuni uffici, una cucina e un magazzino. Uno spazio moderno ed essenziale, costellato però di rimandi alla cultura d'origine dell'artista.