Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Les Crêtes - Credits: Foto: Aiace Bazzana
Places

Cantina Les Crêtes, un rifugio per amanti del vino

Li chiamano vini eroici. Ed eroici lo sono davvero: sopravvivono a condizioni ambientali impervie e a climi sfavorevoli, come quelli sui pendii delle montagne. A produrli, in Valle D'Aosta, ai piedi del castello di Aymavilles, è la cantina Les Crêtes, azienda a conduzione familiare che porta avanti una tradizione vinicola centenaria, risalente addirittura al 1800. È qui che continua il viaggio di Icon Design tra le cantine più belle d'Italia.

Ad affiancare la struttura originaria è un edificio iper contemporaneo, che riprende l'architettura tipica dei rifugi di montagna per reinterpretarla in chiave avveniristica: il Rifugio del vino. Un luogo poetico, sospeso nel tempo e nello spazio, in cui godersi un buon bicchiere di vino ammirando i profili delle montagne.

A firmare il progetto è l'architetto Domenico Mazza, che per la cantina ha pensato a una struttura che celebrasse l'eroicità dei suoi vitigni, uno spazio in cui abbandonarsi al piacere del vino, leggere un libro e rilassarsi lasciando da parte i ritmi frenetici della vita quotidiana. Un vero paradiso gli amanti del vino e della montagna (ma anche dell'architettura).

“Volevo qualcosa che non disturbasse il percorso visivo verso il castello – racconta l'architetto - "e che parlasse in qualche modo di “eroicità”, termine che in architettura può significare una sfida al tradizionale e alla staticità. Da qui l'idea di una forma inusuale a pareti inclinate, che non richiamasse la struttura già esistente.”

Il risultato è un edifico di circa 170 mq caratterizzato dagli interni in legno, dal design minimalista, e dalle ampie vetrate, che permettono al panorama circostante di penetrare negli spazi del rifugio, quasi ad accompagnare gli avventori nella loro scoperta delle tradizioni del luogo. Tradizioni vinicole, certamente, ma non solo. Perché il Rifugio del vino parla del territorio a 360°, con una biblioteca piena di libri e pubblicazioni dedicate alle valli valdostane.

“Durante la realizzazione del progetto – continua Domenico Mazza – abbiamo pensato di creare un vero percorso tematico che raccontasse la tradizione del territorio, ad esempio con richiami artistici alla lavorazione del vino, e che si concludesse nel cuore della cantina, nel “caveau”, dove è custodito il vino.”

Un rifugio quindi, ma anche un viaggio attraverso la storia dei vini eroici per scoprirne tutto il gusto e i segreti.

Milano Design Week
Il design danese al Fuorisalone
News
Paola Pivi in mostra alla Rinascente di Milano
You may also like
Outdoor d’autore

Outdoor d’autore

B&B Italia festeggia i dieci anni della sua collezione Outdoor con nuovi progetti esclusivi firmati da Antonio Citterio che si potranno ammirare al Fuorisalone.
Di.Big, la porta blindata che coniuga sicurezza e design anche nelle grandi aperture

Di.Big, la porta blindata che coniuga sicurezza e design anche nelle grandi aperture

DI.BI. Group ha lanciata una porta blindata che garantisce massima sicurezza per la tua casa e una ricerca sui materiali
Leggeri come nuvole

Leggeri come nuvole

Relax, concentrazione, sviluppo dell'energia creativa: la nuova frontiera del corporate wellness è Nu Rèlax® & Zerobody® di Starpool.
Un appartamento a Parc Monceau, nel cuore di Parigi

Un appartamento a Parc Monceau, nel cuore di Parigi

Charlotte Macaux Perelman ha firmato il progetto di una casa che rispecchia il suo rigore e la sua estrema attenzione a materiali e dettagli. Che siano ceramiche d’autore o ceste recuperate in un mercatino a Panama
Bijoy Jain ospite da ASSAB ONE

Bijoy Jain ospite da ASSAB ONE

Domenica 7 maggio a Milano, una lecture aperta al pubblico con l'architetto fondatore di Studio Mumbai
Se l

Se l'amore (trino) è arte: Jean Cocteau a Villa Noailles

Una mostra ripercorre l'intensa storia di amicizia e complicità tra l'artista francese e la coppia di mecenati Charles e Marie-Laure de Noailles. Tra fotografie, disegni e poesie