Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Credits: Ph. Joao Morgado
Places

Una casa a forma di casa, in Portogallo

«Quando chiediamo a un bambino di disegnare una casa in cemento oppure in legno il risultato è pressoché lo stesso in tutto il mondo. Ci troviamo di fronte a una realizzazione semplicistica composta da un pentagono per le pareti e il tetto, un rettangolo per la porta e due quadrati per le finestre». Con queste parole l’architetto Filipe Saraiva introduce il progetto della casa realizzata per sé e la sua famiglia a Ourém, piccolo comune nel distretto di Santarém, in Portogallo.

Il volume dell’edificio riprende la forma archetipica della casa ed è definito da un monolite regolare adagiato su un terreno scosceso immerso nella natura, che garantisce una vista privilegiata sul panorama circostante e in particolare sul Castello di Ourém. «L’obiettivo è stato soddisfare non solo le esigenze funzionali ma anche una serie di requisiti architettonici che fanno parte del mio immaginario formale e spaziale», spiega Saraiva.

La struttura è costituita da una serie di moduli, dove la differenza di altezza della casa tra il punto più alto e quello più basso è di 4,5 metri. È caratterizzata da rapporto misurato tra le facciate e la copertura, risolto attraverso la ripetizione di pannelli in calcestruzzo prefabbricati, di dimensioni regolari, disposti in maniera sequenziale. «L'uso del calcestruzzo nero ha consentito l’integrazione dell’edificio nel paesaggio, oltre a ridurre i costi di manutenzione», precisa l’architetto. 

La veranda esterna assume lo stesso design della casa diventandone un’estensione verso l’esterno. All’interno, lo spazio principale è essenziale e luminoso, e accoglie l’ampio soggiorno e la cucina. Una scala conduce poi al piano superiore dove è collocata la zona notte con i relativi bagni, insieme allo studio, la biblioteca e una terrazza sul tetto.   

Products
Guzzini, la bottiglia per l’acqua Lurisia come omaggio a Ettore Sottsass
Places
Dove arte e religioni si incontrano: apre il Louvre di Abu Dhabi
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Icon Design Talks 2018: giorno 4

Icon Design Talks 2018: giorno 4

Dal racconto del quartier generale meneghino di Amazon al confronto a due voci tra il designer Giulio Iacchetti e il direttore Michele Lupi. Ecco il video racconto della quarta giornata degli Icon Design Talks
10 tavoli dal Salone del Mobile

10 tavoli dal Salone del Mobile

Sottili e affusolati, pronti a spiccare il volo, oppure solidi e robusti: ecco alcuni dei tavoli presentati durante la Design Week milanese
Icon Design Talks 2018: giorno 3

Icon Design Talks 2018: giorno 3

Storie di design, smart living e nuovi scenari per la mobilità urbana. Ecco come è andata la terza giornata della rassegna
Hablo Kettal

Hablo Kettal

I loro arredi outdoor sono diventati oggetti iconici. Grazie anche a collaborazioni con i guru del design mondiale. Ma l’obiettivo dell’azienda spagnola è la qualità dei prodotti, realizzati a mano, a suon di musica
L

L'albero della vita di Elena Salmistraro per Timberland

In piazza XXV aprile è stata allestita l'opera realizzata da Elena Samistraro per il marchio Timberland: una quercia che evoca la forza generatrice della natura e che si illumina quando viene abbracciata