L’ingresso principale della casa, che si affaccia sul fronte-strada, interamente rivestita in fibre di palma. Un espediente funzionale oltre che estetico: serve infatti anche da isolante termico - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
A destra, divano Ray di B&B Italia e tavolino Ebe di Maxalto, entrambi disegnati da Antonio Citterio; a sinistra, lampada Atollo del 1977 di Vico Magistretti per Oluce - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
A sinistra, la grande libreria in cuoio dei Campana è stata ridisegnata per ben sette volte. Sullo sfondo, la libreria Nuvola Rossa di Vico Magistretti per Cassina (1977). A destra, la camera matrimoniale: protagoniste le pareti vetrate ad angolo che si affacciano sul terrazzo privato. Il camino appeso, che ruota di 360°, è di Focus - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
A sinistra, le grandi terrazze permettono di vivere il giardino da ogni singolo piano. A destra, la scala che porta al piano inferiore: un grande spazio utilizzato come garage. L’edificio ha un volume rettangolare; la parte che si affaccia sul giardino, nascosta alla vista, è realizzata con pareti vetrate a tutt’altezza. Le ringhiere, su disegno, sono in acciaio Corten. - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
A sinistra, la grande libreria con struttura in legno rivestita in cuoio lavorato a mano, progettata dai Campana, che accompagna lo sviluppo della scala su quattro livelli. A destra, il sottile confine tra interno ed esterno è delimitato dalle grandi vetrate. La poltrona bianca è La Chaise disegnata nel 1948 da Charles & Ray Eames per Vitra - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
Places

Emozioni organiche

Una facciata nascosta da una scenogra ca texture in fibra di palma: così si presenta dalla strada questa residenza, immersa nell’esclusivo quartiere Jardins a San Paolo, in Brasile. È la prima architettura privata progettata da Fernando e Humberto Campana per una coppia di professionisti, Stefano Zumino e Solange Ricoy, lui italiano, lei argentina.

Cinque anni di cantiere e di ricerca per arrivare a una casa che stupisce, un palcoscenico domestico di carattere, ibrido e inaspettato. Il loro punto di partenza, caratteristica che guida da sempre i loro progetti di design, è stato quello di utilizzare materiali del luogo, recuperando tradizioni artigianali quasi dimenticate: «Il salto dall’oggetto all’architettura è stato possibile grazie alla libertà che ci hanno concesso i proprietari. Ovviamente, nel rispetto totale delle esigenze di coloro che avrebbero abitato la casa. Come la richiesta di massima privacy, considerato l’affaccio sulla strada».

L’ispirazione è partita dalle case indigene Ocas: costruzioni di grandi dimensioni con la struttura in legno e bambù e la copertura realizzata in paglia o con foglie di palma. Da qui i due progettisti hanno deciso di avvolgere la facciata rivolta verso la strada con la piassava, una fibra di palma naturale proveniente dalla regione nordorientale del Brasile, che serve come isolante e idrorepellente: una sorta di scudo termico tropicale.

La parte nascosta, che si a accia sul giardino, è invece declinata con pareti a tutt’altezza cadenzate da terrazze e passaggi che dissolvono il confine tra interno ed esterno: «Abbiamo creato un’architettura che si integra perfettamente con l’ambiente naturale circostante e lo stesso abbiamo fatto con l’arredamento», raccontano i progettisti. Così tra alberi di mango, pitanga e di corallo realizzato in mattoni cobogó. Una camera da letto per gli ospiti e un bagno rosso occupano il secondo piano, condiviso dai due ragazzi della famiglia che dispongono di camere da letto collegate: una blu e una color arancio. L’ultimo piano è riservato ai proprietari: la camera è caratterizzata dalle pareti vetrate, dal pavimento in legno recuperato da una fazenda di Londrina, e da un camino appeso al soffitto che tiene lontano il freddo invernale. Il bagno è in marmo bianco, un omaggio allo stile classico italiano, che richiama le origini di Stefano. Infine c’è una terrazza dove «La privacy è garantita con il mandacaru: un cactus utilizzato in campagna per creare recinzioni», come spiega Humberto.

Ma quello che più colpisce e a ascina i visitatori è la libreria: «È come un animale che vive all’interno della casa», dice il proprietario. E si sviluppa dal piano terra fino all’ultimo piano «Come un vegetale che invade gli ambienti», racconta Fernando. «Abbiamo creato questo elemento per portare una forte “emozione organica” all’interno». E ci sono riusciti. Entrare in questa casa è come perdersi in una giungla, dove a ogni angolo i colori e le invenzioni, stupiscono senza fine.

Products
La lampada senza fili Roxxane Leggera CL di Nimbus in edizione speciale
News
L'estate dell'arte contemporanea: le rassegne da non perdere
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne