L’ingresso principale della casa, che si affaccia sul fronte-strada, interamente rivestita in fibre di palma. Un espediente funzionale oltre che estetico: serve infatti anche da isolante termico - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
A destra, divano Ray di B&B Italia e tavolino Ebe di Maxalto, entrambi disegnati da Antonio Citterio; a sinistra, lampada Atollo del 1977 di Vico Magistretti per Oluce - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
A sinistra, la grande libreria in cuoio dei Campana è stata ridisegnata per ben sette volte. Sullo sfondo, la libreria Nuvola Rossa di Vico Magistretti per Cassina (1977). A destra, la camera matrimoniale: protagoniste le pareti vetrate ad angolo che si affacciano sul terrazzo privato. Il camino appeso, che ruota di 360°, è di Focus - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
A sinistra, le grandi terrazze permettono di vivere il giardino da ogni singolo piano. A destra, la scala che porta al piano inferiore: un grande spazio utilizzato come garage. L’edificio ha un volume rettangolare; la parte che si affaccia sul giardino, nascosta alla vista, è realizzata con pareti vetrate a tutt’altezza. Le ringhiere, su disegno, sono in acciaio Corten. - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
A sinistra, la grande libreria con struttura in legno rivestita in cuoio lavorato a mano, progettata dai Campana, che accompagna lo sviluppo della scala su quattro livelli. A destra, il sottile confine tra interno ed esterno è delimitato dalle grandi vetrate. La poltrona bianca è La Chaise disegnata nel 1948 da Charles & Ray Eames per Vitra - Credits: Ph. Nicoló Lanfranchi
Places

Emozioni organiche

Una facciata nascosta da una scenogra ca texture in fibra di palma: così si presenta dalla strada questa residenza, immersa nell’esclusivo quartiere Jardins a San Paolo, in Brasile. È la prima architettura privata progettata da Fernando e Humberto Campana per una coppia di professionisti, Stefano Zumino e Solange Ricoy, lui italiano, lei argentina.

Cinque anni di cantiere e di ricerca per arrivare a una casa che stupisce, un palcoscenico domestico di carattere, ibrido e inaspettato. Il loro punto di partenza, caratteristica che guida da sempre i loro progetti di design, è stato quello di utilizzare materiali del luogo, recuperando tradizioni artigianali quasi dimenticate: «Il salto dall’oggetto all’architettura è stato possibile grazie alla libertà che ci hanno concesso i proprietari. Ovviamente, nel rispetto totale delle esigenze di coloro che avrebbero abitato la casa. Come la richiesta di massima privacy, considerato l’affaccio sulla strada».

L’ispirazione è partita dalle case indigene Ocas: costruzioni di grandi dimensioni con la struttura in legno e bambù e la copertura realizzata in paglia o con foglie di palma. Da qui i due progettisti hanno deciso di avvolgere la facciata rivolta verso la strada con la piassava, una fibra di palma naturale proveniente dalla regione nordorientale del Brasile, che serve come isolante e idrorepellente: una sorta di scudo termico tropicale.

La parte nascosta, che si a accia sul giardino, è invece declinata con pareti a tutt’altezza cadenzate da terrazze e passaggi che dissolvono il confine tra interno ed esterno: «Abbiamo creato un’architettura che si integra perfettamente con l’ambiente naturale circostante e lo stesso abbiamo fatto con l’arredamento», raccontano i progettisti. Così tra alberi di mango, pitanga e di corallo realizzato in mattoni cobogó. Una camera da letto per gli ospiti e un bagno rosso occupano il secondo piano, condiviso dai due ragazzi della famiglia che dispongono di camere da letto collegate: una blu e una color arancio. L’ultimo piano è riservato ai proprietari: la camera è caratterizzata dalle pareti vetrate, dal pavimento in legno recuperato da una fazenda di Londrina, e da un camino appeso al soffitto che tiene lontano il freddo invernale. Il bagno è in marmo bianco, un omaggio allo stile classico italiano, che richiama le origini di Stefano. Infine c’è una terrazza dove «La privacy è garantita con il mandacaru: un cactus utilizzato in campagna per creare recinzioni», come spiega Humberto.

Ma quello che più colpisce e a ascina i visitatori è la libreria: «È come un animale che vive all’interno della casa», dice il proprietario. E si sviluppa dal piano terra fino all’ultimo piano «Come un vegetale che invade gli ambienti», racconta Fernando. «Abbiamo creato questo elemento per portare una forte “emozione organica” all’interno». E ci sono riusciti. Entrare in questa casa è come perdersi in una giungla, dove a ogni angolo i colori e le invenzioni, stupiscono senza fine.

Products
La lampada senza fili Roxxane Leggera CL di Nimbus in edizione speciale
News
L'estate dell'arte contemporanea: le rassegne da non perdere
You may also like
I nuovi tappeti cc-tapis disegnati da Elena Salmistraro e Federica Biasi

I nuovi tappeti cc-tapis disegnati da Elena Salmistraro e Federica Biasi

Saranno presentati a gennaio in occasione di IMM Cologne e Maison&Objet, tra forme geometriche e ispirazioni che arrivano da lontano
Regali di Natale: le idee last minute

Regali di Natale: le idee last minute

Le feste sono alle porte, ecco una guida anti panico nel segno del design per arrivare preparati al Natale
Gli scatti di Carlo Mollino in mostra a Torino

Gli scatti di Carlo Mollino in mostra a Torino

Oltre 500 immagini dell’architetto, designer e fotografo torinese inaugurano la stagione 2018 di CAMERA. Con la curatela di Francesco Zanot
Liaisons solitaires: divani di design da scoprire

Liaisons solitaires: divani di design da scoprire

Una carrellata di divani e poltrone per arredare il soggiorno. Nel servizio fotografico di Moos-Tang con Elisa Musso e Chiara Spennato
Qual è il ruolo dell’editoria d’arte?


Qual è il ruolo dell’editoria d’arte?


Prova a fare il punto la mostra “Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017”, in scena alla Kunsthalle di Vienna fino al 28 gennaio 2018
Le mostre fotografiche di dicembre

Le mostre fotografiche di dicembre

Torna l'appuntamento di Icon Design con la fotografia. Questo mese si scopriranno i paesaggio umani e architettonici del Salento, del Sudafrica e della Libia, si rifletterà sul passaggio tra la vita e la morte, si guarderà l'arte attraverso nuove prospettive