Gli interni del Deposito dei Gessi e il pannello di benvenuto - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Gli interni del Deposito dei Gessi - Credits: Microscape, foto © Pietro Savorelli
Places

Il restauro della Chiesa di San Pellegrino a Lucca

È una storia a lieto fine quella della Chiesa di San Pellegrino a Lucca.

E il merito è dello studio di architettura lucchese Microscape, che attraverso un progetto di restauro ha riportato gli spazi alla loro antica bellezza. Ma anche del Polo Museale Toscano, che ha deciso di allestire proprio qui il Deposito dei Gessi.

Situata nel centro storico di Lucca, la chiesa ha vissuto, nel corso dei secoli, svariate vite. Quella di importante luogo di culto innanzitutto, nel XVII secolo, e quella di officina organaria, nel XX secolo, fino a quella di magazzino e infine di luogo abbandonato al degrado. Un (triste) destino, ribaltato dal progetto di trasferire la collezione di calchi in gesso del Polo Museale Toscano proprio negli spazi della chiesa.

Gli esterni, così come gli interni della struttura sono stati oggetto di un restauro dall'approccio conservativo, che ha voluto rimanere fedele all'architettura originaria della chiesa.

Per questo motivo, si contano sulle dita di una mano gli elementi architettonici introdotti dal progetto: le scale mancanti del presbiterio, le lastre di acciaio che fasciano la porta di collegamento tra i vani, l'area della bussola d'ingresso e gli spazi dove un tempo erano collocati gli altari di San Rocco e della Natività. I pavimenti in marmo, ripuliti e patinati, mostrano l'usura del tempo testimoniando il percorso della chiesa e i suoi diversi utilizzi.

Il Deposito dei Gessi, che conta 230 calchi realizzati tra la metà del XIX secolo la metà del XX secolo, è stato allestito nel modo più semplice possibile, per mezzo di un sistema di scaffali in pallet e di tubi. Una struttura minimalista e dall'accento moderno, che impatta visivamente con le figure in gesso. La luce, sia naturale che artificiale, è posta in modo invisibile sui cornicioni, definendo gli spazi e contribuendo a rendere il luogo ancora più suggestivo.

Una curiosità: ad accogliere i visitatori è un pannello scritto in diverse lingue, metafora dell'universalità dell'arte.

Products
I migliori auricolari Bluetooth del 2016
Products
5 sedie per lo studio, ergonomiche e di stile contemporaneo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne