Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Credits: Ph. Luigi Filetici
Places

Cube House, l’abitazione sperimentale di Schiattarella Associati

Rigore, geometrie pure e una buona dose di funzionalità. Si potrebbe sintetizzare così il progetto sperimentale - completato nel 2012 - che porta la firma dello studio romano Schiattarella Associati: la Cube House ospitata nel Villaggio Olimpico di Roma.

I giovani architetti Andrea Schiattarella e Carla Maresca hanno realizzato un’abitazione inserita nel contesto dello storico quartiere costruito per le Olimpiadi del 1960 dagli architetti Vittorio Cafiero, Adalberto Libera, Amedeo Luccichenti, Vincenzo Monaco e Luigi Moretti.

La casa si configura come un unico open space caratterizzato da un elemento centrale a forma di cubo 7m x 7m, che divide e distribuisce senza soluzione di continuità le varie aree funzionali: soggiorno, letto, cucina e bagno.

pannelli scorrevoli che fuoriescono dal volume centrale consentono, all’occorrenza, di suddividere l’open space e definire singoli ambienti per garantire privacy. L’elemento centrale prevede una cabina armadio capiente, mentre l'esterno è progettato per integrare le funzioni delle diverse zone: frigorifero e forno a colonna sul lato cucina, un WC e bidet nicchia sul lato bagno, contenitori e scaffalature sul lato soggiorno.

L'essenzialità degli arredi posti all’esterno è resa possibile dalla quantità di volumi e capienze ricavati all’interno del cubo centrale, che ha favorito la creazione di spazi liberi, corrispondenti ad altrettanti vuoti funzionali, utili a facilitare l’ingresso della luce nelle parti abitate. Anche le lastre di vetro disposte su alcune sezioni strategiche dell’unità contribuiscono a creare un luminoso gioco di trasparenze. La pavimentazione in parquet nero suggerisce un gradevole contrato cromatico con il cubo e gli altri arredi bianchi della casa.

Infine, il rivestimento del volume centrale in pannelli OSB, rifiniti in laccato bianco e cerati, è il risultato di un processo di nobilitazione di un materiale semplice ed economico, normalmente utilizzato per le barriere dei cantieri.

News
Design giovane da collezione
Places
Architetture sottozero: 10 rifugi di design tra le montagne
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne