Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Dry Milano - Credits: Ph. Nathalie Krag
Places

Dry Milano, parte seconda

Pizza e cocktail. Questa la ricetta che ha reso celebre Dry Milano, dal 2013 sempre presente nelle classifiche dedicate alle migliori pizze meneghine. Ideato da Tiziano Vudafieri e Claudio Saverino, sotto la guida dello chef Andrea Berton, lo scorso aprile Dry ha fatto il bis ampliando l'offerta con l’apertura di un secondo locale dalla doppia anima, diurna e serale.

Il nuovo Dry Milano si trova all’angolo tra viale Vittorio Veneto e via Manuzio, doppia esposizione valorizzata grazie a tredici vetrine e un dehors sui Bastioni. Un po’ come succedeva fino agli anni Settanta, il locale riconcilia le attività del bere e del mangiare, una caratteristica che si è progressivamente persa lasciando spazio alla specializzazione. Lo spazio pone al centro la progettazione del rapporto con le persone: l’inserimento del bar va a interrompere la navata centrale e costringe gli ospiti a muoversi seguendo un percorso a S.

Il progetto architettonico reinterpreta in chiave attuale lo stile del periodo cui risale l’edificio, tra elementi d’epoca come i muri in parte grezzi e pezzi più moderni. All’ingresso è presente un’imponente cocktail station dove è prevista la mise en place organizzata in tre atolli e circondata dai tavoli comuni, mentre  la seconda sala è dedicata al ristorante-pizzeria.
 

I materiali sono lavorati in modo inconsueto, come per la ceramica da pavimenti utilizzata sulla superficie dei tavoli in 3 tonalità, con bordi in ottone ruvido. L’ottone è infatti protagonista di Dry Milano: caratterizza la maggior parte delle finiture d’arredo come anche le luci. Il disegno dei tavoli è un omaggio alla poetica di Aldo Cibic. Mentre i lampadari sono costruiti avvitando vecchi portalampade, con lampadine a incandescenza di recupero o, ancora, attorcigliando ghirlande luminose da giardino attorno semplici barre. E poi ci sono i separé a tutta altezza. ottenuti sovrapponendo tavoli e pensili da cucina, che delimitano gli spazi aperti creando un’atmosfera intima.

Ad arricchire l’esperienza culinaria c’è Extra Dry, ovvero il programma di video installazioni d’arte contemporanea curato da Paola Clerico/Case Chiuse.

News
La Libia attraverso l'obiettivo di Delfino Sisto Legnani
Speciale Milano
Nuova Peugeot 308 GTi per emozioni in tutta sicurezza
You may also like
I nuovi tappeti cc-tapis disegnati da Elena Salmistraro e Federica Biasi

I nuovi tappeti cc-tapis disegnati da Elena Salmistraro e Federica Biasi

Saranno presentati a gennaio in occasione di IMM Cologne e Maison&Objet, tra forme geometriche e ispirazioni che arrivano da lontano
Regali di Natale: le idee last minute

Regali di Natale: le idee last minute

Le feste sono alle porte, ecco una guida anti panico nel segno del design per arrivare preparati al Natale
Gli scatti di Carlo Mollino in mostra a Torino

Gli scatti di Carlo Mollino in mostra a Torino

Oltre 500 immagini dell’architetto, designer e fotografo torinese inaugurano la stagione 2018 di CAMERA. Con la curatela di Francesco Zanot
Liaisons solitaires: divani di design da scoprire

Liaisons solitaires: divani di design da scoprire

Una carrellata di divani e poltrone per arredare il soggiorno. Nel servizio fotografico di Moos-Tang con Elisa Musso e Chiara Spennato
Qual è il ruolo dell’editoria d’arte?


Qual è il ruolo dell’editoria d’arte?


Prova a fare il punto la mostra “Publishing as an Artistic Toolbox: 1989–2017”, in scena alla Kunsthalle di Vienna fino al 28 gennaio 2018
Le mostre fotografiche di dicembre

Le mostre fotografiche di dicembre

Torna l'appuntamento di Icon Design con la fotografia. Questo mese si scopriranno i paesaggio umani e architettonici del Salento, del Sudafrica e della Libia, si rifletterà sul passaggio tra la vita e la morte, si guarderà l'arte attraverso nuove prospettive