Credits: Filippo Poli
Places

Eco Bar, la vecchia biglietteria si trasforma in un bistrot

Da vecchia biglietteria a bistrot. Eco Bar sorge in un spazio a bassa densità edificatoria, esattamente tra la periferia di Ragusa e le nuove zone di espansione, che prolificano intorno alla città siciliana.

Eco Bar è un progetto di riuso e riconversione curato dall’architetto Giuseppe Gurrieri, classe 1977, che ha sapientemente trasformato la biglietteria di un centro polisportivo di proprietà del comune in un bar-bistrot.

Il progetto nasce con l’obiettivo di recuperare un immobile ormai in disuso da anni e allo stesso tempo migliorare la qualità dell’ambiente edificato di un’area ad elevata criticità. Un’area di transito veloce dominata da ampi spazi vuoti, dove sono presenti servizi per la collettività come strutture sportive, il mercato rionale, le scuole, il centro direzionale e i rispettivi parcheggi.

La vera sfida che ha raccolto Giuseppe Gurrieri, con la collaborazione di Fabrizio Camillieri, Giulia Filetti e Valentina Occhipinti, è stata quella di generare un luogo di aggregazione a servizio della collettività e innescare un vero e proprio processo di rigenerazione urbana.

Così è nato Eco Bar, realizzato impiegando esclusivamente materiali a basso costo e di riuso, che ridisegnano la sagoma della struttura preesistente, un edificio a pianta quadrata costruito alla fine degli anni Ottanta.

Una porzione del rivestimento è stata progettata per essere all’occorrenza ribaltata creando dei tavoli esterni. All’interno, invece, travi e pilastri sono stati lasciati in calcestruzzo a vista, mentre il pavimento è realizzatoin battuto di cemento industriale lisciato e trattato con resina trasparente. Infine il bancone, realizzato in lamiera di ferro e circondato da arredi in stile retrò.

Credits: Filippo Poli
Credits: Filippo Poli
Credits: Filippo Poli
Credits: Filippo Poli
Credits: Filippo Poli
Credits: Filippo Poli
Credits: Filippo Poli
L'edificio prima dell'intervento di riuso - Credits: Filippo Poli
Products
Poliform, la collezione Mad disegnata da Marcel Wanders
Products
Bici da strada: Manaia, leggera e innovativa
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne