Le facciate interne dell'edificio - Credits: Alexander Gorlin Architects
La facciata esterna dell'edificio - Credits: Alexander Gorlin Architects
La facciata esterna dell'edificio - Credits: Alexander Gorlin Architects
La facciata esterna dell'edificio - Credits: Alexander Gorlin Architects
L'ingresso - Credits: Alexander Gorlin Architects
L'ingresso - Credits: Alexander Gorlin Architects
L'ingresso - interni - Credits: Alexander Gorlin Architects
L'ingresso - interni - Credits: Alexander Gorlin Architects
Gli appartamenti - Credits: Alexander Gorlin Architects
Gli appartamenti - Credits: Alexander Gorlin Architects
Gli spazi interni dedicati alla condivisione - Credits: Alexander Gorlin Architects
Places

A New York un progetto di edilizia sociale dedicato ai single

Un progetto di edilizia sociale ideato per le persone che devono sostenere ingenti spese mediche, come i malati di HIV e AIDS, o che si trovano in difficoltà economiche.

È il complesso di Boston Road, nel quartiere Bronx di New York, progettato dallo studio di architettura Alexander Gorlin Architects.

Le facciate punteggiate di pannelli colorati e gli arredi giovani e contemporanei rendono l’edificio un nuovo modello di architettura sociale, non più cupa e grigia ma dinamica e moderna.

La struttura si inserisce nel contesto della crescente esigenza di edilizia sociale nella città di New York, che ha già portato alla realizzazione di altri progetti di "affordable housing".

Pensato per accogliere persone sole e homeless, il palazzo offre diversi spazi dedicati alla condivisione, come stanze multifunzione, una terrazza, lavanderie, sale computer, laboratori e sale fitness, in modo da stimolare l’aggregazione e il sostegno reciproco.

Gli appartamenti, concepiti come piccoli studio dotati di tutti i comfort, dispongono di un arredamento funzionale e creato con materiali di prima qualità, come il bambù, utilizzato per i pavimenti, e il legno d'acero, scelto per le cucine. L’edificio è dotato di sistemi di regolazione elettrici e degli impianti di riscaldamento, evitando così lo spreco di energia.

Una curiosità: la scelta dei colori delle facciate si ispira all’epoca coloniale americana. Nel 1700, infatti, il sito era occupato dalla magione di James Morris, uno dei firmatari della Dichiarazione di Indipendenza.

Products
10 libri di design da leggere quest'estate
Storytelling
Dieci gallerie di design da seguire su Instagram
You may also like
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano
A Eindhoven il primo Bosco Verticale in edilizia sociale

A Eindhoven il primo Bosco Verticale in edilizia sociale

Una nuova architettura sostenibile a firma dello studio di progettazione guidato da Stefano Boeri. 19 piani appartamenti con affitto calmierato
Pannelli fonoassorbenti che arredano

Pannelli fonoassorbenti che arredano

A parete, a pavimento oppure a sospensione, ecco la collezione disegnata dallo studio di base a Valencia PerezOchando per il marchio spagnolo Missana