Le facciate interne dell'edificio - Credits: Alexander Gorlin Architects
La facciata esterna dell'edificio - Credits: Alexander Gorlin Architects
La facciata esterna dell'edificio - Credits: Alexander Gorlin Architects
La facciata esterna dell'edificio - Credits: Alexander Gorlin Architects
L'ingresso - Credits: Alexander Gorlin Architects
L'ingresso - Credits: Alexander Gorlin Architects
L'ingresso - interni - Credits: Alexander Gorlin Architects
L'ingresso - interni - Credits: Alexander Gorlin Architects
Gli appartamenti - Credits: Alexander Gorlin Architects
Gli appartamenti - Credits: Alexander Gorlin Architects
Gli spazi interni dedicati alla condivisione - Credits: Alexander Gorlin Architects
Places

A New York un progetto di edilizia sociale dedicato ai single

Un progetto di edilizia sociale ideato per le persone che devono sostenere ingenti spese mediche, come i malati di HIV e AIDS, o che si trovano in difficoltà economiche.

È il complesso di Boston Road, nel quartiere Bronx di New York, progettato dallo studio di architettura Alexander Gorlin Architects.

Le facciate punteggiate di pannelli colorati e gli arredi giovani e contemporanei rendono l’edificio un nuovo modello di architettura sociale, non più cupa e grigia ma dinamica e moderna.

La struttura si inserisce nel contesto della crescente esigenza di edilizia sociale nella città di New York, che ha già portato alla realizzazione di altri progetti di "affordable housing".

Pensato per accogliere persone sole e homeless, il palazzo offre diversi spazi dedicati alla condivisione, come stanze multifunzione, una terrazza, lavanderie, sale computer, laboratori e sale fitness, in modo da stimolare l’aggregazione e il sostegno reciproco.

Gli appartamenti, concepiti come piccoli studio dotati di tutti i comfort, dispongono di un arredamento funzionale e creato con materiali di prima qualità, come il bambù, utilizzato per i pavimenti, e il legno d'acero, scelto per le cucine. L’edificio è dotato di sistemi di regolazione elettrici e degli impianti di riscaldamento, evitando così lo spreco di energia.

Una curiosità: la scelta dei colori delle facciate si ispira all’epoca coloniale americana. Nel 1700, infatti, il sito era occupato dalla magione di James Morris, uno dei firmatari della Dichiarazione di Indipendenza.

Products
10 libri di design da leggere quest'estate
Storytelling
Dieci gallerie di design da seguire su Instagram
You may also like
Outdoor d’autore

Outdoor d’autore

B&B Italia festeggia i dieci anni della sua collezione Outdoor con nuovi progetti esclusivi firmati da Antonio Citterio che si potranno ammirare al Fuorisalone.
Di.Big, la porta blindata che coniuga sicurezza e design anche nelle grandi aperture

Di.Big, la porta blindata che coniuga sicurezza e design anche nelle grandi aperture

DI.BI. Group ha lanciata una porta blindata che garantisce massima sicurezza per la tua casa e una ricerca sui materiali
Leggeri come nuvole

Leggeri come nuvole

Relax, concentrazione, sviluppo dell'energia creativa: la nuova frontiera del corporate wellness è Nu Rèlax® & Zerobody® di Starpool.
Un appartamento a Parc Monceau, nel cuore di Parigi

Un appartamento a Parc Monceau, nel cuore di Parigi

Charlotte Macaux Perelman ha firmato il progetto di una casa che rispecchia il suo rigore e la sua estrema attenzione a materiali e dettagli. Che siano ceramiche d’autore o ceste recuperate in un mercatino a Panama
Bijoy Jain ospite da ASSAB ONE

Bijoy Jain ospite da ASSAB ONE

Domenica 7 maggio a Milano, una lecture aperta al pubblico con l'architetto fondatore di Studio Mumbai
Se l

Se l'amore (trino) è arte: Jean Cocteau a Villa Noailles

Una mostra ripercorre l'intensa storia di amicizia e complicità tra l'artista francese e la coppia di mecenati Charles e Marie-Laure de Noailles. Tra fotografie, disegni e poesie