Les bains des Docks - vista del parco termale - Credits: @Les bains des Docks
Places

A Le Havre le meravigliose terme firmate Jean Nouvel

Da vecchia area industriale a parco termale alla moda. È Les Bains Des Docks, splendido centro acquatico a Le Havre, in Francia.

Nato da un progetto complesso, ma al tempo stesso affascinante, di riconversione urbana volto a trasformare la zona abbandonata del vecchio porto in un luogo vivo frequentato dall’intera comunità, Les Bains Des Docks è una struttura avveniristica ed innovativa firmata dall’archistar Jean Nouvel che ha magnificamente convertito i vecchi hangar lungo quai de la Réunion in un centro acquatico pubblico accessibile a tutti.

Riqualificazione riuscitissima, dunque, dato che a Le Havre, città con il più antico porto di Francia, l'acqua del mare di Normandia è per la maggior parte dell'anno fredda e agitata.

Una struttura di oltre cinquemila metri quadri che all'esterno ospita una piscina olimpionica riscaldata e all'interno un centro benessere, una sauna, un hammam, una Spa con idromassaggio e un’area acquagym. L’accesso avviene attraverso un atrio comune, centro nevralgico del parco termale, mentre il piano superiore con le sue linee geometriche e i corridoi che si intersecano, presenta una serie di terrazze su cui è possibile rilassarsi a prendere il sole.

Funzionalità a parte, sono le forme create da Jean Nouvel a incantare chi visita i Bains: uno spazio in cui si fondono luce, aria e acqua, in cui domina il bianco interrotto da macchie squillanti di colori che infiammano l’ambiente circostante, in cui le cascate d’acqua creano pareti divisorie mobili e luce naturale filtra attraverso finestre disposte lungo le facciate e sul tetto grazie ad un attentissimo progetto curato dal light designer Yann Kersalé.

Ancora una volta, Jean Nouvel, “architetto del presente" come lui stesso ama definirsi, dimostra l’attenzione quasi ossessiva per la resa estetica. Classe ed eleganza sono gli elementi chiave per questa struttura, ispirata palesemente alle terme romane, ma che si presenta come un luogo singolarmente ovattato, lontano dal tipico brusio che affligge chi frequenta le piscine pubbliche.

Ingresso a Les bains des Docks - Credits: @Les bains des Docks
La piscina olimpionica riscaldata - Credits: @Les bains des Docks
Terrazze per prendere il sole - Credits: @Les bains des Docks
Piscina esterna - Credits: @Les bains des Docks
Centro termale - Credits: @Les bains des Docks
Piscine esterne - Credits: @Les bains des Docks
Piscina interna - Credits: @Les bains des Docks
Area relax - Credits: @Les bains des Docks
Storytelling
Carole Hubscher: la donna dietro la matita
News
Quale futuro per l’illuminazione decorativa?
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda veneziana di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne
Luigi Ghirri. Il paesaggio dell

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura

La Triennale di Milano omaggia il celebre fotografo emiliano mettendo in luce l'importanza della sua opera nell'ambito dell'architettura. Dal 25 maggio al 26 agosto
La seconda edizione di Milano Arch Week

La seconda edizione di Milano Arch Week

Una settimana di dibattiti, incontri, eventi e mostre sul futuro delle città. Da mercoledì 23 a domenica 27 maggio, ecco il programma
Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Il nuovo flagship store Molteni a Manhattan, firmato Vincent Van Duysen

Si trova al 160 di Madison Avenue, nel cuore del NoMad Design District, ed è il primo al mondo a riunire i tre brand del Gruppo: Molteni&C, Dada, e UniFor
Michael Anastassiades, il designer della sorpresa

Michael Anastassiades, il designer della sorpresa

Alla ricerca di un equilibrio complesso. Perché ogni evoluzione è storia e ogni domanda è crescita, in un intreccio tra esperienza e lavoro che è vita vera