Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Credits: Ph. Andrea Martiradonna
Places

M89 Hotel, una nuova destinazione business a Milano

Dna industriale e un tocco di contemporaneità. Il nuovo M89 Hotel di Milano si affaccia sui capannoni che un secolo fa ospitavano una delle più grandi realtà dell’aviazione e che ospitano la sede di Gucci Hub, il nuovo headquarter della casa di moda fiorentina firmato Piuarch inaugurato lo scorso settembre. A pochi mesi di distanza, lo studio milanese è tornato a lavorare sull’area progettando una nuova struttura ricettiva dedicata al business in equilibrio con l'architettura preesistente, rafforzando l’identità del distretto.

Gli esterni di M89 Hotel evocano la sagoma dei capannoni: il piano terra è caratterizzato da un’ampia vetrata schermata da una griglia metallica, mentre il tetto riprende il sistema a shed di matrice industriale che arretra e lascia spazio a una terrazza delimitata da vetrate a tutta altezza dove trova spazio il ristorante panoramico affacciato sulla città.

Gli interni rispecchiando il gusto essenziale degli esterni attraverso una palette colore che va dal grigio antracite al bianco e al verde. Qui trovano spazio elementi di arredo contemporanei mescolati a icone anni Cinquanta e stampe che riproducono il patrimonio architettonico della fabbrica ex Caproni.

«Non c’è nulla di superfluo e la decorazione è assicurata dall'accostamento dei materiali e dalla funzionalità distributiva, per un progetto che crea una corrispondenza tra interno ed esterno e che assegna al coronamento e alla sua sagoma sfaccettata il vero ruolo di protagonista dell’intervento», spiega lo studio milanese.

Dal primo al quinto piano sono distribuite le 50 stanze e le 5 suite, al cui interno viene invertita la disposizione dei colori scelta per le aree pubbliche: le pareti sono ora intonacate di bianco e il soffitto è invece antracite. Dotate rispettivamente di una superficie di 24 mq e 42 mq, le camere si differenziano nelle finiture, maggiormente curate nelle suite che risultano impreziosite da un pavimento in parquet di rovere e da boiserie in essenza di noce.

News
Il Festival del Paesaggio di Anacapri
Places
Ristoranti a Copenhagen: gli indirizzi di design
You may also like
Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Gli organizzatori fanno sapere che l’edizione 2018 non si terrà, ma in compenso ci sarà un’altra novità
Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Artigianalità made in Italy e design giapponese: la storica azienda fondata nel 1921 rinnova il sodalizio con l’architetto giapponese
Nendo ripensa la zip per YKK

Nendo ripensa la zip per YKK

La pratica chiusura che sostituisce i bottoni declinata in cinque nuovi design per YKK, la società giapponese che la produce dal 1934
Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Pietra grezza, legno di abete povero e cemento a vista sono i materiali protagonisti di questa villa isolata che, dalle colline liguri, si affaccia su un paesaggio marino mozzafiato
Una sauna galleggiante, in Svezia

Una sauna galleggiante, in Svezia

A firmarla è lo studio di progettazione milanese Small Architecture Workshop. Siamo ad Åmot, circa tre ore a nord di Stoccolma, nel cuore della foresta svedese
I vincitori della Targa Bonetto 2017

I vincitori della Targa Bonetto 2017

Ecco come è andata la 22esima edizione del concorso che premia i migliori designer in erba