Monastero delle Clarisse Francescane, Lecce - Credits: Rubner Haus
Monastero delle Clarisse Francescane, Lecce - Credits: Rubner Haus
Monastero delle Clarisse Francescane, Lecce - Credits: Rubner Haus
Monastero delle Clarisse Francescane, Lecce - Credits: Rubner Haus
Monastero delle Clarisse Francescane, Lecce - Credits: Rubner Haus
Monastero delle Clarisse Francescane, Lecce - Credits: Rubner Haus
Monastero delle Clarisse Francescane, Lecce - Credits: Rubner Haus
Monastero delle Clarisse Francescane, Lecce - Credits: Rubner Haus
Places

Un monastero ecosostenibile in legno, a Lecce

Per realizzarlo sono stati sufficienti solo 8 mesi. Il nuovo monastero delle Clarisse Francescane è costruito interamente in legno sulla Via Adriatica, a due passi da Lecce, come vuole la tradizione dell'azienda altoatesina Rubner Haus.

L’edificio si sviluppa su un’area di circa 600 metri quadri e rispetta le caratteristiche tipiche dell’architettura rurale salentina. La struttura è ecocompatibile e realizzata con materiali edili ecologici, come il legno e il sughero, e garantisce un’alta efficienza energetica, mantenendo temperatura e umidità ideali all’interno degli spazi.

Spiega Francesco D’Onghia, responsabile vendite Puglia e Basilicata del gruppo altoatesino nato oltre 80 anni fa da una segheria ad acqua: «Il sistema “Casablanca”, con la sua capacità di coniugare l’atmosfera tipica di un edificio in legno massiccio con eleganti pareti esterne intonacate, ha risposto perfettamente alle esigenze di sobrietà delle consorelle che hanno scelto per l’esterno del monastero legno a vista, misto a intonaco, e per la chiesa adiacente, l’esterno interamente intonacato».

Il monastero è stato costruito coniugando tradizione e tecnologie moderne, utilizzando legno proveniente da zone alpine a deforestazione controllata che si estendono per 150 chilometri nei dintorni della segheria del gruppo Rubner Haus in Austria.  

A dividere la zona di vita monastica da quella di accoglienza vi è una cappella, mentre la parte centrale della struttura è occupata da: capitolo, biblioteca, laboratori, cucina, refettorio e sei celle di 9 metri quadri, ciascuna con servizi annessi. A questi si aggiungono una serie di cortili con funzione di posto di lavoro all’aria aperta. Infine, distaccata dalla struttura principale, è presente una foresteria destinata ad accogliere i bisognosi.

Products
La Panton Chair compie 50 anni
News
Ugo La Pietra in mostra a Milano
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano