Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Ph. Alessandro Paderni / Matteo Pastorio
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina
Credits: Mutina - Ph. Alessandro Oliva
Credits: Mutina - Alessandro Oliva
A sinistra, Massimo Orsini, CEO di Mutina; a destra la curatrice Sarah Cosulich - Credits: Mutina - Ph. Matteo Pastorio
Places

MUT, un nuovo spazio per l’arte contemporanea

MUT, dal tedesco coraggio, è il nome del nuovo spazio espositivo inaugurato a Fiorano Modenese all’interno del quartier generale di Mutina, uno dei protagonisti italiani nel campo delle superfici ceramiche. Tra gli altri, collabora con designer nostrani come Rodolfo Dordoni e autori del panorama internazionale tra cui Edward Barber e Jay Osgerby, Raw Edges e Ronan e Erwan Bouroullec.

MUT è un grande contenitore destinato ad accogliere una programmazione annuale di mostre ed eventi che accompagneranno iniziative esterne in collaborazione con istituzioni e musei internazionali. Un progetto nato come prolungamento naturale del luogo designato alla produzione e che rappresenta il terzo tassello del progetto allargato Mutina for Art. Va ad aggiungersi al premio annuale per artisti emergenti This is Not a Prize - il vincitore dell’edizione 2017 verrà annunciato il 18 ottobre al Grand Palais di Parigi in occasione di FIAC - e nel programma di produzioni artistiche Dialogue. MUT sarà un luogo deputato alla promozione e al sostegno dell’arte contemporanea dove si alterneranno percorsi monografici e tematici, presentazioni di nuove acquisizioni, lavori site-specific o creati ad hoc e prestiti.

A inaugurare la stagione di MUT è Think of this as a Window, a cura di Sarah Cosulich, con una selezione di opere dalla collezione del CEO di Mutina, Massimo Orsini, visitabile fino al 23 febbraio 2018. L’esposizione si sviluppa su tre piani e si svolge come un viaggio immaginario in tre generi fondamentali della tradizione storico artistica: il ritratto, il processo e il paesaggio. Gli artisti coinvolti sono Etel Adnan, Vincenzo Agnetti, Giorgio Andreotta Calò, Tacita Dean, Fischli / Weiss, Ceal Floyer, Francesco Gennari, Felix Gonzalez-Torres, On Kawara, Renato Leotta, Sherrie Levine, Marisa Merz, Cindy Sherman, Ettore Spalletti, Hiroshi Sugimoto, Wolfgang Tillmans, Goran Trbuljak, Franco Vimercati, Franz Erhard Walther e Cerith Wyn Evans.

News
72 ore nella natura per ridurre lo stress
News
Gio Ponti e Cantù
You may also like
Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Gli organizzatori fanno sapere che l’edizione 2018 non si terrà, ma in compenso ci sarà un’altra novità
Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Artigianalità made in Italy e design giapponese: la storica azienda fondata nel 1921 rinnova il sodalizio con l’architetto giapponese
Nendo ripensa la zip per YKK

Nendo ripensa la zip per YKK

La pratica chiusura che sostituisce i bottoni declinata in cinque nuovi design per YKK, la società giapponese che la produce dal 1934
Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Pietra grezza, legno di abete povero e cemento a vista sono i materiali protagonisti di questa villa isolata che, dalle colline liguri, si affaccia su un paesaggio marino mozzafiato
Una sauna galleggiante, in Svezia

Una sauna galleggiante, in Svezia

A firmarla è lo studio di progettazione milanese Small Architecture Workshop. Siamo ad Åmot, circa tre ore a nord di Stoccolma, nel cuore della foresta svedese
I vincitori della Targa Bonetto 2017

I vincitori della Targa Bonetto 2017

Ecco come è andata la 22esima edizione del concorso che premia i migliori designer in erba