CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
CoFuFun, Tenri, progetto di Nendo - Credits: Ph. Takumi Ota
Places

La prima architettura pubblica firmata Nendo

A Tenri, cittadina della prefettura giapponese di Nara, Nendo si è cimentato per la prima volta con un intervento pubblico urbano: CoFuFun.

Si tratta di un’area di 6mila metri quadrati tra bar, negozi, info point, parchi giochi, teatro en plein air, servizio di noleggio biciclette e sale conferenza. L’obiettivo è stato rivitalizzare l’area, trasformandola in un punto di incontro per gli abitanti ma anche meta per il rilancio del turismo locale.  

L’ispirazione arriva direttamente dalle caratteristiche tombe a tumulo giapponesi che circondano la città, le kofun, ma anche dalla morfologia del bacino del Nara, dove tutto intorno si ergono le montagne.

L’intervento prevede una serie di dischi bianchi sovrapposti realizzati in calcestruzzo prefabbricato e assemblati in loco, senza l’uso di travi o colonne, in grado di offrire grande stabilità alla struttura. I diversi livelli assolvono la funzione di scale, ma anche di panchine per un anfiteatro, parco giochi per i più piccoli o semplicemente riparo dal sole e dalla pioggia.

Naturalmente tutti gli elementi d'arredo sono stati progettati da Nendo e realizzati con legno locale in continuità con l’architettura della piazza, il cui nome nasce da un gioco di parole che unisce l’espressione colloquiale Fufun, dal giapponese felice, co di comunità e fun di divertimento. Un invito ad esplorare gli spazi all’interno di uno ambiente dinamico che è tante cose insieme.

Branded Channel
IAAC e Fab Lab, tra ricerca e innovazione
Storytelling
Andrew Bolton: l’arte della seduzione
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
diptyque raddoppia a Roma

diptyque raddoppia a Roma

In occasione dei 50 anni di attività la maison francese di alta profumeria ha inaugurato un nuovo punto vendita nella capitale
Buon compleanno Olivetti

Buon compleanno Olivetti

Alla Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea di Roma oltre 300 pezzi unici tra oggetti, manifesti e fotografie d’epoca. Dal 20 febbraio al 1 maggio
Homo Fluxus, un viaggio nei primi anni Settanta


Homo Fluxus, un viaggio nei primi anni Settanta


A Milano, una mostra mette in dialogo i tessuti della storica manifattura tessile Bonotto con le opere del movimento Fluxus
Jens Risch e Barbara De Ponti in mostra alla Galleria Viasaterna di Milano

Jens Risch e Barbara De Ponti in mostra alla Galleria Viasaterna di Milano

Si intitola Forma Mentis la mostra che riunisce le opere di Jens Risch e Barbara De Ponti. In scena fino al prossimo 16 marzo
Una mostra per i 100 anni di Achille Castiglioni

Una mostra per i 100 anni di Achille Castiglioni

Non una mostra antologica, ma un omaggio al grande designer italiano. Nello storico studio di Piazza Castello a Milano vanno in scena 100 oggetti anonimi scelti da altrettanti designer italiani e internazionali