Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Places

L’antica fortezza diventa un ostello di design, in Repubblica Ceca

Olomouc è una città universitaria della Repubblica Ceca situata a sud-est di Praga. Qui, all’interno di un fortino del XVII secolo sopravvissuto a più di una battaglia, è nato Long Story Short: un ostello curato negli interni dagli arredi essenziali.

L’idea è dell’imprenditrice Eva Dlabalová e nasce sulle ceneri del Bastione Locatelli, un’architettura con pianta a ferro di cavallo all’epoca adibita a panificio per sfamare i militari dell’esercito. Gli ambienti sono stati curati dall’interior designer Denisa Strmiskova e all’heritage dell’edificio uniscono un tocco contemporaneo. Materiali come pietra, legno e metalli caratterizzano gli spazi: 56 stanze con la possibilità di scegliere tra bagno privato oppure in comune, dove si alternano opere d'arte locali, mobili d'epoca e pezzi di design contemporanei. La reception svolge la doppia funzione di sala comune e bar, rappresentando il cuore dell’ostello.

«L'intero concept dell'ostello è stato creato da zero, inclusi gli arredi e il layout visivo», precisa Denisa Strmiskova. «L’idea principale era quella di dare risalto allʼanima del luogo e di arricchirlo con elementi d’arredo attuali». Sulle pareti si alternano le opere dell’artista ceco David Minařík, tra bianco puro e dettagli neri e colori pastello accuratamente scelti per plasmare l’atmosfera di Long Story Short. L’idendità visiva e le indicazioni all’interno dell’ostello sono state curate dal graphic designer Jan Košátko e rispecchiano il minimalismo delle forme che contraddistingue gli spazi. Letti, specchi, lampade, ripiani e attrezzature per i bagni sono state invece realizzate in collaborazione con artigiani locali come Master&Master e RAV Slezák.

L'area dell'ostello è in continua espansione. Nel corso dell’anno le aree comuni verranno ampliate con una terrazza con pergola arricchita da una cucina a isola, un ampio bar e un ristorante proprio accanto alla reception.

Products
Fornasetti presenta la collezione Don Giovanni
Products
Speaker o tavolino? Entrambe le cose
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano