Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Credits: Ph. Josef Kubicek
Places

L’antica fortezza diventa un ostello di design, in Repubblica Ceca

Olomouc è una città universitaria della Repubblica Ceca situata a sud-est di Praga. Qui, all’interno di un fortino del XVII secolo sopravvissuto a più di una battaglia, è nato Long Story Short: un ostello curato negli interni dagli arredi essenziali.

L’idea è dell’imprenditrice Eva Dlabalová e nasce sulle ceneri del Bastione Locatelli, un’architettura con pianta a ferro di cavallo all’epoca adibita a panificio per sfamare i militari dell’esercito. Gli ambienti sono stati curati dall’interior designer Denisa Strmiskova e all’heritage dell’edificio uniscono un tocco contemporaneo. Materiali come pietra, legno e metalli caratterizzano gli spazi: 56 stanze con la possibilità di scegliere tra bagno privato oppure in comune, dove si alternano opere d'arte locali, mobili d'epoca e pezzi di design contemporanei. La reception svolge la doppia funzione di sala comune e bar, rappresentando il cuore dell’ostello.

«L'intero concept dell'ostello è stato creato da zero, inclusi gli arredi e il layout visivo», precisa Denisa Strmiskova. «L’idea principale era quella di dare risalto allʼanima del luogo e di arricchirlo con elementi d’arredo attuali». Sulle pareti si alternano le opere dell’artista ceco David Minařík, tra bianco puro e dettagli neri e colori pastello accuratamente scelti per plasmare l’atmosfera di Long Story Short. L’idendità visiva e le indicazioni all’interno dell’ostello sono state curate dal graphic designer Jan Košátko e rispecchiano il minimalismo delle forme che contraddistingue gli spazi. Letti, specchi, lampade, ripiani e attrezzature per i bagni sono state invece realizzate in collaborazione con artigiani locali come Master&Master e RAV Slezák.

L'area dell'ostello è in continua espansione. Nel corso dell’anno le aree comuni verranno ampliate con una terrazza con pergola arricchita da una cucina a isola, un ampio bar e un ristorante proprio accanto alla reception.

Products
Fornasetti presenta la collezione Don Giovanni
Products
Speaker o tavolino? Entrambe le cose
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Icon Design Talks 2018: giorno 4

Icon Design Talks 2018: giorno 4

Dal racconto del quartier generale meneghino di Amazon al confronto a due voci tra il designer Giulio Iacchetti e il direttore Michele Lupi. Ecco il video racconto della quarta giornata degli Icon Design Talks
10 tavoli dal Salone del Mobile

10 tavoli dal Salone del Mobile

Sottili e affusolati, pronti a spiccare il volo, oppure solidi e robusti: ecco alcuni dei tavoli presentati durante la Design Week milanese
Icon Design Talks 2018: giorno 3

Icon Design Talks 2018: giorno 3

Storie di design, smart living e nuovi scenari per la mobilità urbana. Ecco come è andata la terza giornata della rassegna
Hablo Kettal

Hablo Kettal

I loro arredi outdoor sono diventati oggetti iconici. Grazie anche a collaborazioni con i guru del design mondiale. Ma l’obiettivo dell’azienda spagnola è la qualità dei prodotti, realizzati a mano, a suon di musica
L

L'albero della vita di Elena Salmistraro per Timberland

In piazza XXV aprile è stata allestita l'opera realizzata da Elena Samistraro per il marchio Timberland: una quercia che evoca la forza generatrice della natura e che si illumina quando viene abbracciata