La facciata di Palazzo Litta - Credits: Ph. Gabriele Basilico
Il logo di Palazzo Cultura Litta, realizzato da Studio Fragile di Marcio Trimarchi e Frida Doveil
Il logo di Palazzo Cultura Litta, realizzato da Studio Fragile di Marcio Trimarchi e Frida Doveil
Places

Nasce Palazzo Litta Cultura

A Milano l’offerta culturale si allarga con la nascita di Palazzo Litta Cultura, un progetto multidisciplinare nato dalla sinergia tra MiBACT e MoscaPartners, con il patrocinio del Comune di Milano. «Palazzo Litta Cultura prevede un rapporto collaborativo tra pubblico e privato, che ha lo scopo di aprire le porte di uno dei più bei palazzi della città e di farlo all'insegna di una proposta innovativa e di alto profilo», spiega Marco Edoardo Minoja, Segretario Regionale MiBACT.

Un palinsesto multidisciplinare che coinvolge arte, design e fotografia, ma anche cinema, musica, poesia, teatro e danza, a partire da ottobre, coinvolgerà gli spazi dello storico edificio a due passi dall’Università Cattolica. Il sodalizio tra il Segretariato Regionale e MoscaPartners, avviato a seguito di una call pubblica, ha invitato a collaborare alcune realtà culturali di Milano impegnate nei settori del cinema, della fotografia e della musica: esterni, MIA Photo Fair Projects e Ponderosa Music&Arts. Questo per offrire alla città un palinsesto che gli organizzatori hanno definito “indisciplinato”, proprio perché riunisce diverse arti in un progetto plurale che si fonda sul confronto e lo scambio. «Vogliamo costruire un progetto con un'identità propria all'interno dell'offerta culturale della città. Un luogo in cui vengano in contatto forme d'arte e di spettacolo diverse e dunque pubblici eterogenei si incontrino, ogni volta con un’esperienza interdisciplinare. È da queste occasioni di confronto che nascono le idee», racconta Valerio Castelli, fondatore con Caterina Mosca di MoscaPartner.

L’apertura del progetto si rispecchia anche nel marchio concepito da Studio Fragile di Mario Trimarchi e Frida Doveil: un sistema di identità che, attraverso un reticolo di quadrati colorati, descrive e connette tra loro gli apporti culturali alla base del progetto. «Il marchio di Palazzo Litta Cultura nasce da uno spostamento di equilibri, che fa nascondere la A al riparo delle due T e compone così una miniarchitettura emblematica, da leggere come logotipo o da moltiplicare, per creare, a seconda della scala visiva, la mappa di un'intera città o un Tetris sincopato, specchio della proposta culturale di Palazzo Litta Cultura, allo stesso tempo interdisciplinare e indisciplinata», spiegano Mario Trimarchi e Frida Doveil.  

L’allestimento delle mostre è curato dallo studio aMDL architetto Michele De Lucchi ed è ordinato in elementi modulari che permettono di adattare lo spazio per accogliere le diverse espressioni artistiche durante il corso dell'anno. Tra le altre, a ottobre Palazzo Litta Cultura ospiterà The Yokohama Project 1867-2017 con gli artisti Giada Ripa, Felice Beato e Mathilde Ruinart e le note di Midori Takada; l’1 e il 2 novembre sarà la volta della due giorni dal titolo Pier Paolo Pasolini: Lezioni di Creatività e Come un cane senza padrone; dal 4 al 12 novembre una serie di appuntamenti a cura di JAZZMI: concerti, mostre di fotografia e proiezioni.

«L’inaugurazione di questo nuovo spazio culturale raccoglie molte cose su cui il sistema Paese deve lavorare», ha commentato Dario Franceschini, ministro dei Beni culturali. «Certo, c'è ancora molto da fare. Ma ormai sta emergendo in modo credo irreversibile una nuova centralità della cultura, che non è solo eventi ma anche investimenti su talenti, creatività e innovazione».

Storytelling
Operae 2017: sette domande ad Alice Stori Liechtenstein
News
Nel nuovo MUJI store di Milano
You may also like
Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Addio Ventura Lambrate, benvenuta Ventura Future

Gli organizzatori fanno sapere che l’edizione 2018 non si terrà, ma in compenso ci sarà un’altra novità
Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Tadao Ando e Venini: ecco la collezione Ando Cosmos

Artigianalità made in Italy e design giapponese: la storica azienda fondata nel 1921 rinnova il sodalizio con l’architetto giapponese
Nendo ripensa la zip per YKK

Nendo ripensa la zip per YKK

La pratica chiusura che sostituisce i bottoni declinata in cinque nuovi design per YKK, la società giapponese che la produce dal 1934
Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Una villa neobrutalista tra i colli liguri

Pietra grezza, legno di abete povero e cemento a vista sono i materiali protagonisti di questa villa isolata che, dalle colline liguri, si affaccia su un paesaggio marino mozzafiato
Una sauna galleggiante, in Svezia

Una sauna galleggiante, in Svezia

A firmarla è lo studio di progettazione milanese Small Architecture Workshop. Siamo ad Åmot, circa tre ore a nord di Stoccolma, nel cuore della foresta svedese
I vincitori della Targa Bonetto 2017

I vincitori della Targa Bonetto 2017

Ecco come è andata la 22esima edizione del concorso che premia i migliori designer in erba