Solobservatoriet, Harestua - Credits: Snøhetta Studio
Solobservatoriet, Harestua - Credits: Snøhetta Studio
Solobservatoriet, Harestua - Credits: Snøhetta Studio
Solobservatoriet, Harestua - Credits: Snøhetta Studio
Places

Il nuovo planetario firmato Snøhetta, in Norvegia

Foresta di Haresua, 45 chilometri a nord di Oslo, comune di Lunner. Qui lo Studio Snøhetta ha realizzato un nuovo planetario e un centro visitatori per la più grande struttura astronomica della Norvegia, che prende il nome di Solobservatoriet. Il complesso è situato a 580 metri sopra il livello del mare ed è pensato per offrire ai visitatori un viaggio alla scoperta di una tra le più importanti stazioni di ricerca astronomica del Nord Europa, oltre che ammirare il fascino dell'aurora boreale.

Il progetto prevede un planetario che si sviluppa su 1500 metri quadri, dotato di cabine interstellari a forma di piccoli pianeti, dedicate alle diverse attività scientifiche nell'ambito dell'astronomia. Il nuovo centro visitatori, di proprietà dell'Istituto Tycho Brahe, è situato accanto all'osservatorio solare originale, una torre di ricerca di dodici metri costruita dall'Università di Oslo per l'eclissi solare totale del 1954.

In fase progettuale, gli architetti dello studio norvegese hanno studiato i principi base dell’astronomia per mettere a punto una serie di cabine, che possono ospitare un totale di 118 ospiti, collocate intorno al planetario, imitando il modo in cui i pianeti orbitano intorno al sole. Il più piccolo, Zolo, ha un diametro di 6 metri ed è equipaggiato di due posti letto per una notte sotto le stelle.

Il planetario è caratterizzato da un tetto sinuoso ricoperto di erba, erica selvatica e cespugli di mirtilli rossi che avvolgono la cupola dorata. Semi-ipogeo, il teatro a tre piani emerge dalla terra come un globo inciso con costellazioni, rivelandosi gradualmente. All’interno, il teatro celeste consente una proiezione realistica di stelle, pianeti e oggetti celesti ed è dotato di reception, bar e area espositiva con una rampa a chiocciola che conduce al soppalco e al tetto.

Storytelling
Foscarini: sogni illuminati
Places
Blox: spazi flessibili by OMA a Copenhagen
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne