Places

Il Teatro Eden torna al suo splendore

Una schiera di piccole case, ben curate e decorate da piastrelle in ceramica dai toni pastello. A coronare i tre piani un tetto in tegole di argilla, realizzate a mano da chi è stato capace di curare, capire e valorizzare la materia prima e le proprie maestranze; questa conoscenza dagli inizi del ‘900 è andata avanti e col tempo è anzi cresciuta, in termini di qualità, tecnologia, rispetto per il contesto e per la sua tradizione.

Siamo nel cuore di Treviso, più precisamente nel Villaggio Eden, interamente costruito tra il 1903 e il 1911 per volere di un illuminato industriale dell’epoca. Graziano Appiani, fondatore della Ditta Appiani e C., azienda dedita alla produzione di fregi, coppi e mattoni, che con il tempo è passata di generazione in generazione senza perdere quella passione che riesce a trasmettere solo chi, come il suo fondatore, ama davvero il proprio lavoro.

Il Villaggio Eden, un quartiere pensato e costruito per gli operai della Appiani, garantiva il benessere delle maestranze, grazie a servizi per la vita e lo svago, abitazioni, ristorante, cinema e un celebre teatro, l’Eden. E proprio varcando la soglia di questa realtà architettonica – vincolata come bene storico artistico dalla Soprintendenza per i beni ambientali e architettonici del Veneto orientale – che si percepisce ancora oggi la visione illuminata di Appiani.

Il Teatro Eden è stato da poco recuperato e donato alla città di Treviso come luogo polivalente per la condivisione di sapere e cultura, oggi come il 5 gennaio 1911, quando si inaugurò quello che divenne il centro per le attività ricreative dei dipendenti Appiani.

Nel foyer, a testimonianza della versatilità e dell’importanza di questi spazi, una foto ingiallita dal tempo porta con sé il ricordo di una grande festa del villaggio: lunghe tavolate imbandite in attesa che la grande famiglia si riunisse ancora una volta, nello spazio che racchiudeva la filosofia Appiani. Cura, eleganza e attenzione ai materiali si leggonotra le mura di questo esempio di architettura Liberty (recuperati grazie a un perfetto esempio di restauro conservativo): legno per i soffitti e le balaustre, ferro per i serramenti, ma soprattutto ceramiche per i pavimenti, le cui grandi piastrelle esagonali sono state riprodotte da Appiani con macchina a idrogetto nelle stesse dimensioni e colori di quelle originali.

Grazie alle nuove tecnologie è stato possibile realizzare oltre 900 mq di superfici di colore rosso, ocra e azzurro che, insieme ad un nuovo palcoscenico, rendono l’Eden un teatro polifunzionale elegante e all’avanguardia. Il ritorno di un’estetica senza tempo, come nei più grandi classici.

News
L'architettura della mente illustrata da Federico Babina
Products
Le mascherine anti-smog di Nendo
You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne
Luigi Ghirri. Il paesaggio dell

Luigi Ghirri. Il paesaggio dell'architettura

La Triennale di Milano omaggia il celebre fotografo emiliano mettendo in luce l'importanza della sua opera nell'ambito dell'architettura. Dal 25 maggio al 26 agosto