Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Credits: Ph. Philippe Glade
Black Rock City, NV: The New Ephemeral Architecture of Burning Man - Real Paper Books
Products

Le architetture del Burning Man

Dal 1991, ogni anno, la cittadina di Black Rock City, stato del Nevada, richiama decine di migliaia di persone per il Burning Man, uno dei festival più famosi e particolari al mondo. Per otto giorni soltanto la città americana prende vita per poi scomparire con il rituale conclusivo da cui prende il nome il festival, dove viene bruciato un enorme fantoccio in legno.  

Burning Man non è il solito festival ma un evento molto variegato dove convivono contesti diversi tra loro, dalla festa alla riflessione; un evento basato su principi come autosufficienza e inclusione. I partecipanti devono infatti essere attrezzati autonomamente per la permanenza nella metropoli temporanea: durante gli otto giorni le sole cose disponibili per la vendita sono ghiaccio e caffè. Dimenticate smartphone e internet e abituatevi all’idea di improvvise tempeste di sabbia e a un’escursione termica notevole, di giorno le temperature possono superare i quaranta gradi e di notte scendere di decine di gradi.

Il fotografo francese Philippe Glade ha immortalato per la prima volta le architetture effimere che popolano Black Rock City nel 1996, raccogliendole in un volume pubblicato nel 2011. Oggi presenta il secondo capitolo di quest’avventura con il titolo Black Rock City, NV: The New Ephemeral Architecture of Burning Man, edito dalla casa editrice Real Paper Books, che raccoglie oltre 200 scatti realizzati tra il 2011 e il 2015. Architetture nomadi destinate a durare per un periodo limitato proprio per la natura temporanea del festival, rifugi effimeri e sperimentali in grado di resistere alla forza brutale del vento, che può raggiungere i 120 chilometri orari.

News
L’ottava edizione di Venice Design Week
News
Design in festa: gli eventi di settembre
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano