Credits: Republic of Fritz Hansen
Credits: Republic of Fritz Hansen
Credits: Republic of Fritz Hansen
Credits: Republic of Fritz Hansen
Products

Il tavolo Grand Prix di Arne Jacobsen è di nuovo in produzione

Il progetto dell’iconica sedia Grand Prix in multistrato piegato con cui Arne Jacobsen vinse il prestigioso premio alla Triennale di Milano nel 1957 fu corredato da un tavolo in abbinato, che sfortunatamente restò sul mercato per un breve periodo a causa delle difficoltà di produzione. 

Oggi, in occasione del 60esimo compleanno dell’iconica seduta,  Republic of Fritz Hansen torna a produrre il tavolo Grand Prix, mantenendone inalterato il design semplice e funzionale che lo caratterizza. Il team di progettisti del marchio danese ha implementato la tecnica di produzione e sostituito le gambe in faggio che non garantivano sufficiente stabilità al tavolo.

L’inedita edizione è caratterizzata da gambe in legno di quercia leggermente più ampie e un binario in acciaio sotto il piano laccato naturale, ed è disponibile in tre dimensioni. Come si dice in questi casi: è il ritorno di un grande classico del design.

News
Open House London 2017, tra mostre e visite guidate
Places
Lego House vista dai droni
You may also like
La caldaia si trasforma in uno specchio

La caldaia si trasforma in uno specchio

Una caldaia che unisce funzionalità ed estetica, diventando vero e proprio elemento d’arredo. Ecco Osa di Unical
Albert Clock, l’orologio che insegna la matematica

Albert Clock, l’orologio che insegna la matematica

Tra addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni, leggere l’ora esatta diventa un gioco adatto per adulti e bambini. Per mantenere la mente allenata
A bordo di Eilean con Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai

A bordo di Eilean con Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai

Per scoprire come i suoi grandi amori, il lavoro e il mare, si sono congiunti dando vita alla celebre regata riservata alle vele d’epoca.
Una sala da pranzo in alta quota

Una sala da pranzo in alta quota

A Roma Frigo 2000 allestisce uno spazio speciale che fa da cucina, sala da pranzo e location per eventi. Il tutto sollevato da una gru, a 30 metri di altezza
Un rifugio appollaiato tra le White Mountains, negli States

Un rifugio appollaiato tra le White Mountains, negli States

Un’architettura in simbiosi con la topografia del luogo, con una vista a 360° gradi sulle vette che dominano il panorama
Spazio, Forma, Luce

Spazio, Forma, Luce

Divani, sedie, tavoli, cassettiere, lampade e tappeti. Nel servizio fotografico di Jeremias Morandell e Cameranesi & Pompili