Jasper Morrison e Jaime Hayon
Jijibaba - Jasper Morrison
Jijibaba - Jaime Hayon
Jijibaba - Jaime Hayon
Jijibaba - Jasper Morrison
Products

Il design da indossare di Jasper Morrison e Jaime Hayon

I confini del design si allargano sempre più. E abbracciano i più svariati settori della quotidianità, modellandoli secondo i propri codici e concetti. Il design diventa così uno stile di vita: da adottare in casa e in ufficio, certo, ma anche da indossare, da portare con sé, un mezzo attraverso il quale definire la propria identità. Naturale evoluzione di ciò è una liason sempre più feconda con la moda, un gioco di seduzione che porta il design a confrontarsi con le esigenze del vestire (e del vivere) contemporaneo. Proprio con questo intento è nata Jijibaba, linea di abbigliamento maschile ideata da Jaime Hayon e Jasper Morrison.

Obiettivo di Jijibaba, che verrà presentata in anteprima durante il London Design Festival, è quello di tradurre l'approccio creativo del design in abiti funzionali e pratici, che rispecchino la visione dei designer che di stagione in stagione disegneranno le varie collezioni. Sì, perché Jasper Morrison e Jaime Hayon sono solo i primi della lista: ogni semestre verranno chiamati a collaborare alcuni dei nomi più noti del design internazionale. Più che un brand, una community di designer in prestito alla moda, ma anche un progetto che avvicina il design alla vita quotidiana delle persone, definendo al contempo nuovi parametri di eleganza. Concettuale ed essenziale, come nel caso di 1-38, le due linee di abiti firmate dalla coppia di designer.

«Mi interessa il modo in cui gli oggetti interagiscono con la quotidianità e con i luoghi in cui essa si svolge: non in uno showroom o sulle pagine di una rivista, ma nella vita reale. Il mio obiettivo è quello di creare oggetti che si inseriscano in modo naturale e bilanciato nella vita delle persone», ha commentato Jasper Morrison, non nuovo alle collaborazioni con la moda (tra le più celebri quelle con Camper e Issey Miyake). Per Jijibaba ha tradotto il suo manifesto "Super Normal" in capi dalle linee geometriche e dalle tonalità neutre, espressione di una filosofia del vestire improntata alla semplicità.

A ribadire l'importanza di un design sempre più vicino alle persone è anche Jaime Hayon, da sempre ambasciatore della commistione tra le discipline artistiche, che si è espresso così in merito a Jijibaba: «Il buon design dovrebbe essere innanzitutto problem solving e durevole, questo va da sé. Ma il mio è anche un design per le persone. Credo che il buon design debba provocare emozioni, far sentire a proprio agio. E anche contribuire a rendere felici. È questo quello che ho cercato di raggiungere con la mia linea di capi per Jijibaba».

Le due linee di abbigliamento saranno presentate durante il London Design Festival nell'ambito dell'esposizione collettiva Design Frontiers, in scena alla Somerset House dal 18 al 24 settembre. Dal 15 settembre la collezione sarà in vendita presso il Dover Street Market di Londra e il suo e-shop, mentre a partire da ottobre sarà disponibile anche presso il Dover Street Market di New York, Ginza e Singapore.

News
Ugo Nespolo a Pisa
Places
L’ex banca si trasforma in un caleidoscopio di colori
You may also like
La caldaia si trasforma in uno specchio

La caldaia si trasforma in uno specchio

Una caldaia che unisce funzionalità ed estetica, diventando vero e proprio elemento d’arredo. Ecco Osa di Unical
Albert Clock, l’orologio che insegna la matematica

Albert Clock, l’orologio che insegna la matematica

Tra addizioni, sottrazioni, moltiplicazioni e divisioni, leggere l’ora esatta diventa un gioco adatto per adulti e bambini. Per mantenere la mente allenata
A bordo di Eilean con Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai

A bordo di Eilean con Angelo Bonati, Ceo di Officine Panerai

Per scoprire come i suoi grandi amori, il lavoro e il mare, si sono congiunti dando vita alla celebre regata riservata alle vele d’epoca.
Una sala da pranzo in alta quota

Una sala da pranzo in alta quota

A Roma Frigo 2000 allestisce uno spazio speciale che fa da cucina, sala da pranzo e location per eventi. Il tutto sollevato da una gru, a 30 metri di altezza
Un rifugio appollaiato tra le White Mountains, negli States

Un rifugio appollaiato tra le White Mountains, negli States

Un’architettura in simbiosi con la topografia del luogo, con una vista a 360° gradi sulle vette che dominano il panorama
Spazio, Forma, Luce

Spazio, Forma, Luce

Divani, sedie, tavoli, cassettiere, lampade e tappeti. Nel servizio fotografico di Jeremias Morandell e Cameranesi & Pompili