Muj Hut, la nuova unità abitativa realizzata dal colosso giapponese - Credits: Muji
L'interno di Muji Hut si sviluppa su una superficie di 9 metri quadrati e può accogliere fino a 3 o 4 quattro persone - Credits: Muji
Le pareti interne sono realizzate in compensato di cipresso al naturale, mentre il pavimento in malta - Credits: Muji
L’esterno realizzato con pannelli di legno di cedro bruciato, per garantire una maggiore durata nel tempo - Credits: Muji
Products

MUJI e le nuove frontiere dell’abitare

«Posizionatela in montagna, vicino all'oceano o in un giardino. La sua struttura si integrerà con l'ambiente circostante, invitandovi a intraprendere a una vita completamente nuova». L'intento è chiaro fin da subito, il marchio giapponese MUJI vuole raccontare un nuovo modo di abitare nel segno della flessibilità e della sostenibilità. Parliamo di MUJI Hut, (letteralmente rifugio), una micro casa prefabbricata disponibile per l’acquisto, per ora solo in Giappone, al costo di circa 23mila euro.

Il progetto segue le orme di quello presentato in occasione del Tokyo Midtown Design Touch 2015: tre micro architetture progettate da Naoto Fukasawa, Jasper Morrison e Konstantin Grcic, rispettivamente realizzate in legno, sughero e alluminio. MUJI Hut trasmette in toto i valori del brand unendo funzionalità ed eleganza. L’unità abitativa è realizzata in legno giapponese ed è distribuita su 9 metri quadri e un piccolo portico da 3 metri quadri. L'intera struttura poggia su una base in calcestruzzo per evitare l’umidità di risalita dal terreno ed è in grado di accogliere un massimo di 3/4 persone.

L’ingresso prevede un’ampia porta scorrevole in vetro a tutta altezza, mentre una piccola finestra posizionata sul retro assolve le funzioni di ventilazione e illuminazione. L’interno è caratterizzato da pareti in compensato di cipresso non trattato e da una pavimentazione in malta. L’esterno è invece rivestito con pannelli in legno di cedro bruciato con finitura ad olio, frutto di un’antico procedimento giapponese che prende il nome di Shou Sugi Ban.

Per chi se lo stesse chiedendo, bagno e cucina non sono inclusi nel micro-edificio. Questo perché MUJI Hut non vuole essere un’alternativa alle tradizionali case vacanza, ma concedere un’esperienza unica: «A very special little place, all your own».

 

News
Il gioiello contemporaneo in mostra al MAXXI di Roma
Storytelling
Things that matter: 5 definizioni per un buon design
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano