Alessi - Arris - Design by Adam Cornish
Products

Gli orologi da parete e la rivincita dell’analogico

Quando non c'è, se ne sente la mancanza. Perché nonostante la digitalizzazione, l'orologio da parete è uno di quei “must have” analogici a cui è difficile rinunciare. È per questo che aziende e designer continuano a reinterpretarlo progettando modelli che coniugano il recupero delle estetiche del passato allo spirito della casa contemporanea.

Il classico, intramontabile, orologio tondo si arricchisce così di nuovi significati e diventa ambasciatore dello stile della casa. Essenziale e ridotto ai minimi termini, oppure colorato e pop. Il modello a cucù, invece, viene trasformato in accessorio ironico e giocoso, capace di dare un tocco di allegria agli spazi. Insomma, l'orologio da muro torna protagonista della casa. Ma forse, non se n'era mai andato.

Abbiamo selezionato dieci modelli da scoprire nella gallery qui sotto.

Seletti – Memento – Design by Alessandro Zambelli. Si diverte a giocare con la materia e con le parole l'orologio progettato da Alessandro Zambelli per Seletti. Realizzato in cemento (da qui il nome, Memento), è dotato di lancette intercambiabili fluo in ottone ed è caratterizzato da una lavorazione effetto legno, che ne conferisce leggerezza.
Alessi – Raggiante – design by Michele de Lucchi. È tutto dedicato all'energia benefica del sole l'orologio disegnato da Michele de Lucchi per Alessi. "Raggiante è il sole che scandisce le ore anche quando non si vede e si nasconde dietro la Terra. Senza i suoi raggi tutto si fa buio, tutto si ferma e con calma lo aspettiamo perché tutti sanno che risbucherà proprio dalla parte opposta a dove si era infilato. Ritorna sempre a svegliare il mondo, a lucidare le foglie, a sciogliere le nuvole.”, ha raccontato De Lucchi. Da qui l'ispirazione per il nuovo orologio da parete in bambù: un sole da cui partono 24 raggi, in cui spiccano le lancette in alluminio arancione.
Hay – Analog – Design by Shane Schneck. Dedicato agli amanti del minimalismo: Analog, disegnato da Shane Schneck, è un orologio in alluminio che si ispira al classico barometro. Semplice ma d'impatto. Quando si dice “less is more”. Su designrepublic.com
Ikea – Stolpa e Panorera. Ikea ha presentato due nuovi modelli di orologi da parete: Stolpa e Panorera. Il primo, disponibile in bianco, è dotato di due sensori: uno che lo fa illuminare al battito delle mani, l'altro che determina la giusta quantità di luce, prolungando la durata della batteria. Il secondo, Panorera, è realizzato in acciaio inossidabile e possiede una luce a LED che si illumina ogni cinque secondi.
Magis – Cu Clock – Design by Naoto Fukasawa. Il classico orologio a cucù è l'ispirazione per l'orologio da parete Cu Clock di Magis. Disegnato da Naoto Fukasawa, idealizza le forme del cucù aggiungendo un tocco di giocosità e colore. È disponibile nelle varianti con tetto in rosso, verde e bianco. Iper contemporaneo il materiale con cui è realizzato: l’ABS stampato a iniezione.
Normann Copenhagen – Watch Me. Si ispira ai campioni di colore l'orologio Watch Me di Normann Copenhagen. Disponibile nella versione monocolore o multicolor, si caratterizza per la forma ad asterisco e per il suo spirito giocoso e pop. Su designrepublic.com
Kartell - Air du Temps – Design by Eugeni Quitllet. Può essere utilizzato sia da tavolo che da parete: a caratterizzare l'orologio Air du Temps di Kartell sono le linee pulite e leggere, che rispecchiano quel concetto di ariosità che ha ispirato il designer spagnolo Eugeni Quitllet nel realizzarlo. Il risultato è un orologio che lascia scorrere il tempo in modo libero e leggero, disponibile nelle tre varianti trasparente, coprente e metallizzato.
Republic of Fritz Hansen – Wall Clock – Design by Mia Lagerman. Il materiale è decisamente inusuale: carta di cotone realizzata a mano con una tecnica che risale a 300 anni fa. Le ore, impresse sulla carta, sono scandite da lancette bianche e sottili. Quello progettato dalla designer svedese Mia Lagerman non è il classico orologio a muro, è un omaggio alla creatività e alla sperimentazione materica.
Guzzini – QQ – Design by BrogliatoTraverso. Riprende il fascino senza tempo dei vecchi pendoli con l'uccellino e lo traduce nel perfetto accessorio di una casa giovane e moderna: QQ è l'orologio a cucù di Guzzini disegnato dal duo BrogliatoTraverso, disponibile nelle varianti cromatiche del bianco, giallo e rosso.
Menu – Marble – Design by Norm Architects. Una presenza discreta ed elegante, da appoggiare al muro o da appendere. Ma soprattutto, da guardare e riguardare. L'orologio Marble di Menu coniuga la semplicità delle sue forme alla preziosità del materiale con cui è realizzato, il marmo.
Icon Design Talks
La seconda edizione di Innovation Design District
News
La VitraHaus secondo il duo Raw Edges

You may also like
Think Next: la creatività che innova il futuro

Think Next: la creatività che innova il futuro

Un incontro sui trend del cooking nella Svizzera di Franke: ospiti di fama internazionale, idee e creatività per inventare il mondo del food di domani
Milano Photo Week, la seconda edizione

Milano Photo Week, la seconda edizione

Ecco il programma della settimana meneghina dedicata alla fotografia, in programma dal 4 al 10 giugno
Il fascino discreto di Collezione Maramotti

Il fascino discreto di Collezione Maramotti

A Reggio Emilia, all'interno dell'edificio in cui si costruì la storia di Max Mara, sorge la Collezione Maramotti. Un gioiello architettonico che racchiude oltre 200 opere d'arte contemporanea
Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Nike Flyprint, la scarpa da running stampata in 3D

Non solo ponti ed edifici, la tecnologia 3D si applica anche al mondo delle calzature, dove si raggiungono grandi margini di personalizzazione
La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

La nuova stazione di Matera, firmata Stefano Boeri Architetti

Verrà ultimata entro maggio del prossimo anno e sarà uno dei motivi di prestigio per la città capitale europea della cultura 2019
Un nuovo inizio per Rubelli

Un nuovo inizio per Rubelli

La storica azienda di tessuti apre le porte del suo nuovo showroom veneziano su progetto degli architetti Leo Schubert e Verdiana Durand de la Penne