Panton Chrome, Vitra
Panton Glow, Vitra
Products

La Panton Chair compie 50 anni

I festeggiamenti per i 50 anni della Panton Chair sono cominciati nel 2017 con una limited edition nella tinta sunlight. Oggi, in occasione di IMM Cologne (15-21 gennaio), Vitra presenta una doppia edizione limitata. Fu infatti al salone di Colonia che la celebre sedia a sbalzo venne rivelata al pubblico per la prima volta nel 1968.

Vitra propone due versioni inedite che omaggiano questo grande classico del design: Panton Chrome e Panton Glow. Con il primo modello, l’azienda svizzera celebra la grande passione per le superfici specchianti di Verner Panton, che nel corso della sua carriera sperimentò diversi effetti di riflessione. Passione che si manifesta in numerosi dei suoi progetti tra mobili, sistemi di illuminazione e arredi d’interni. Già nei primi anni Settanta Panton aveva esplorato la possibilità di conferire alla Panton Chair una superficie a specchio, cosa che all’epoca non si concretizzò per via di limiti tecnici.

A distanza di cinquant’anni Vitra ha brevettato una procedura che consente di ottenere l’effetto a specchio desiderato, risultato di un processo di metallizzazione in cui le particelle di metallo sono integrate in molteplici strati di vernice. Un sistema di verniciatura complesso che dà vita alla nuova Panton Chrome.

La seconda limited edition, Panton Glow, si ispira invece all’installazione Visiona 2 del 1970, dove pareti e soffitti sembravano illuminarsi dall’interno quasi in modo psichedelico. L’edizione è stata realizzata in collaborazione con Marianne Panton, moglie di Verner, ed è frutto di un procedimento dove cinque strati di vernice contenenti pigmenti fosforescenti vengono applicati artigianalmente alla scocca e sigillati da un rivestimento protettivo lucido. Il risultato? Di giorno la seduta assorbe la luce solare e al buio emette un bagliore azzurro.

Panton Chrome sarà disponibile a partire da marzo, mentre per il modello Panton Glow bisognerà attendere il prossimo giugno.

Places
Il primo MUJI Hotel, a Shenzen
Places
Un monastero ecosostenibile in legno, a Lecce
You may also like
Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Duddell’s, un nuovo ristorante da scoprire a Londra

Nasce sulle ceneri della storica Grade II-listed St Thomas Church, a due passi dal London Bridge, tra buona cucina e opere d’arte contemporanea
Francesco Igory Deiana: cronache dell

Francesco Igory Deiana: cronache dell'altro mondo

Un artista Italiano amante dell’architettura brutalista e del surf ha trovato casa a Los Angeles, dove vive e lavora in più di mille metri quadrati. Sperimentali
Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Sette progetti Alessi premiati con il Good Design Award 2017


Dalla collezione Alessi Circus dell’olandese Marcel Wanders fino ad arrivare alla grattugia Forma dell’iraniana Zaha Hadid
Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

Il caos secondo il duo creativo Mathery
 Studio

A Milano, terzo ed ultimo appuntamento espositivo dedicato al tema della dimensione contemporanea. Mercoledì 31 gennaio presso The Box
Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Da vecchio garage a ristorante, a Tel Aviv

Ecco Mansura Restaurant, un progetto del duo creativo al femminile This is IT in equilibrio tra antico contemporaneo
Le 999 domande di Stefano Mirti

Le 999 domande di Stefano Mirti

Intervista al curatore della mostra "999. Una collezione di domande sull'abitare contemporaneo" in scena alla Triennale di Milano